Equitalia » Fuori i nomi per ipoteche a debitori con meno di 8000 euro

Ora Equitalia deve pubblicare le carte e i nomi di chi ha iscritto le ipoteche per crediti sotto gli 8 mila euro.

Dopo il procedimento penale a carico del funzionario dell’agente della riscossione originato dalla querela del contribuente a causa dell’iscrizione ipotecaria effettuata sull’immobile di proprietà di quest’ultimo per crediti tributari di valore inferiore a 8 mila euro, contrariamente all’interpretazione normativa offerta dalla giurisprudenza di legittimita’, detto contribuente ha il diritto all’ostensione da parte dell’agente della riscossione dei documenti relativi, compresi i nomi dei funzionari responsabili del procedimento sotteso all’iscrizione pregiudizievole e delle circolari esplicative dell’amministrazione finanziaria, laddove l’imputato nel processo penale invoca la presenza di «direttive superiori».

Questo, in sintesi, l’orientamento espresso dal Tar del Lazio con sentenza 2660/13.

Equitalia: l’accesso agli atti è un diritto del contribuente

Operazione trasparenza sulle cartelle pazze: dovrà tirare fuori un bel po’ di carte Equitalia, compresi i nomi dei funzionari responsabili delle iscrizioni ipotecarie su beni dei contribuenti per crediti sotto gli 8 mila euro, il valore indicato dalla Cassazione come soglia al di sotto della quale l’agente della riscossione non può scendere per le iscrizioni pregiudizievoli.

Infatti, sebbene Equitalia non sia una pubblica amministrazione, deve sempre garantire al cittadino il diritto di richiedere un accesso agli atti utile a ricostruire la propria posizione debitoria.

Ciò è quanto si evince dalla sentenza del Tar Lazio in esame.

L’Agente della riscossione, svolgendo un servizio pubblico, deve essere equiparato a una normale amministrazione;.

Equitalia è, pertanto, obbligata a fornire, a chiunque ne faccia richiesta, la possibilità di controllare la documentazione attestante eventuali debiti, ipoteche, fermi o quant’altro possa risultare rilevante.

Deve essere, quindi, garantito all’interessato l’accesso agli atti, senza stare a discutere sull’utilizzo che ne venga fatto.

12 Febbraio 2014 · Gennaro Andele

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Ipoteca esattoriale per debiti inferiori ad 8 mila euro - illegittima anche se iscritta prima del 26/5/10
Con sentenza del 10 aprile 2012, numero 5771 la Cassazione a Sezioni Unite ha annullato l'iscrizione di ipoteca esattoriale dell'Agente della Riscossione in quanto relativa ad un debito inferiore ad 8 mila euro. E questo anche se si trattava di ipoteca iscritta prima del  26 maggio 2010, data di ‘entrata in vigore della Legge numero 73/2010, che ha vietato espressamente l'iscrizione di ipoteca per debiti inferiori alla soglia di 8 mila euro. La Cassazione, richiamando l'orientamento già consolidato, ha ribadito la non iscrivibilità di ipoteca esattoriale per un importo inferiore ad 8 mila euro, poichè - essendo l'ipoteca esattoriale preordinata ...

Equitalia non può negare l'accesso alle cartelle non notificate al contribuente
Equitalia non può negare l'accesso alle cartelle non notificate al contribuente che teme pignoramento presso terzi Equitalia deve tirar fuori le cartelle non notificate al contribuente che teme pignoramenti presso terzi: il divieto di accesso nei procedimenti tributari non vale dopo l'accertamento. Infatti, sebbene l'articolo 24 della legge 241/90 escluda il diritto d'accesso, tra l'altro, nei procedimenti tributari, per i quali restano ferme le particolari norme che li regolano, è da ritenere che la detta norma debba essere intesa, secondo una lettura della disposizione costituzionalmente orientata, nel senso che la inaccessibilità agli atti di cui trattasi sia temporalmente limitata alla ...

Equitalia » Tempi di conservazione dell'avviso di ricevimento delle raccomandate
Equitalia ha l'onere di conservare l'avviso di ricevimento delle raccomandate a/r spedite al contribuente per cinque anni. La conservazione della matrice dell'avviso di ricevimento della raccomandata presso gli uffici, infatti, è funzionale sia al diritto di accesso agli atti presentato dal contribuente, sia all'eventuale produzione in giudizio, in caso di ricorso. ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su equitalia » fuori i nomi per ipoteche a debitori con meno di 8000 euro. Clicca qui.

Stai leggendo Equitalia » Fuori i nomi per ipoteche a debitori con meno di 8000 euro Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 12 Febbraio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Luglio 2017 Classificato nella categoria iscrizione di ipoteca Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)