ELUSIONE, INTERPOSIZIONE FITTIZIA E POTERI DELLA CORTE DI CASSAZIONE

ELUSIONE, INTERPOSIZIONE FITTIZIA E POTERI DELLA CORTE DI CASSAZIONE

Con l'ordinanza numero 13089/2012 la Suprema Corte torna sul tema spinoso delle operazioni concatenate realizzate con modalità tali da comportare un illegittimo carico di imposta.

Il caso esaminato dalla Corte è quello di un soggetto che stipula un contratto preliminare di compravendita di un terreno con un altro soggetto, incassando dall'acquirente una somma (poi non restituita) a titolo di acconto, salvo poi donare detto terreno alla figlia la quale a sua volta effettuerà la vendita al promissario acquirente del padre.

L'avviso di accertamento impugnato, notificato al padre promissario venditore, viene confermato in primo grado ma poi annullato in secondo. Il ricorso proposto dall'Agenzia contro la sentenza della CTR Piemonte viene, infine, accolto dalla Corte di Cassazione con l'ordinanza in commento la quale rinvia la causa ad altra sezione della medesima Commissione.

La decisione emessa è fondata su due disposizioni: in primo luogo, l'articolo 53 Costituzione che renderebbe inopponibili all'amministrazione finanziare quei benefici fiscali ottenuti da operazioni elusive; in secondo luogo, l'articolo 37, co. 3, DPR 600/1973 che consente agli organi accertativi di imputare un reddito a soggetti diversi dal titolare apparente laddove, anche sulla base di presunzioni gravi, precise e concordanti, risulti che il contribuente accertato ne sia il reale possessore e il titolare apparente un suo mero interposto. A tal proposito La Corte precisa che tra le operazioni elusive e, in particolare, quelle di interposizione personale fittizia ben possono essere ricomprese quelle di simulazione relativa, in quanto l'articolo 37, co. 3 sopra richiamato non presuppone affatto la presenza di operazioni fraudolente. Laddove ciò venga contestato è, quindi, onere del contribuente “fornire la prova della esistenza di ragioni economiche alternative o concorrenti con carattere non meramente marginale o teorico”.

Sulla base di tali considerazioni ed evidenziando che “???” la Corte ha giudicato l'operazione “preordinata a fini elusivi”, accogliendo pienamente il ricorso dell'Ufficio.

L'ordinanza appena illustrata non espone principi particolarmente innovativi e da questo punto di vista, quindi, non appare particolarmente interessante.

Ciò che, invece, lascia perplessi è il fatto che il giudizio emesso appare aver trasceso i compiti propri della Corte di Cassazione. Essa, infatti, dovrebbe essere principalmente preordinata a sanzionare omesse, insufficienti o contraddittorie motivazioni delle sentenze impugnate ovvero a “correggere” interpretazioni giuridiche errate, in quanto il giudizio sui fatti oggetto di causa è per espressa volontà del legislatore di competenza esclusiva dei giudici del merito.

Ciononostante, sebbene effettivamente la sentenza di secondo grado potesse apparire “debole” in punto fatto (ad esempio perché la titolarità del reddito in questione in capo alla venditrice formale era fondata sulla sola materiale percezione del prezzo) e gravida di numerose contraddittorietà, l'attenzione della Corte si è incentrata non sulla mera evidenziazione delle incongruenze della motivazione (lasciando, quindi, al giudice del rinvio un nuovo giudizio sul fatto) quanto, invece, sull'affermazione dell'elusività dell'operazione in esame, con la conseguenza che più che un giudizio “sulla sentenza” sembra di essere di fronte a un giudizio “sul fatto”.

14 agosto 2012 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Compensazione dei crediti tributari in presenza di debiti della PA accertati giudizialmente
Nel giudizio di ottemperanza con cui un cittadino richiede nei confronti della pubblica amministrazione il pagamento di un credito accertato giudizialmente l'amministrazione medesima non può eccepire l'esistenza di un proprio credito e, quindi, invocare la compensazione. È, infatti, stato confermato il principio espresso con la sentenza della stessa Suprema Corte ...
Il credito d'imposta tempestivamente dichiarato è soggetto alla sola prescrizione decennale
La prescrizione è decennale quando il credito d'imposta è correttamente evidenziato in una dichiarazione ma viene poi riportato in quelle successive Capita spesso che per le ragioni più disparate un credito d'imposta venga correttamente evidenziato in una dichiarazione ma sia poi riportato in quelle successive. In tali occasioni, non è ...
Contratto simulato di compravendita immobiliare con interposizione fittizia - effetti per il coniuge in comunione di beni
Quando Caio vuole nascondere ai suoi creditori o al fisco di essere l'acquirente di un immobile, si accorda con Tizio, venditore, affinché nell'atto di acquisto figuri Sempronio, prestanome. Colui che acquista effettivamente e si impegna a pagare il prezzo è tuttavia Caio e tutti gli effetti del contratto ricadono su ...
Ricorso del fisco » Non è ammissibile se non riporta stralci dell'avviso di accertamento
Nel ricorso del fisco contro il contribuente relativo a un avviso di accertamento è necessario che la richiesta riporti testualmente i passi della motivazione dell'atto erroneamente interpretati dal giudice di secondo grado. Qualora il ricorrente censuri la sentenza di una commissione tributaria regionale sotto il profilo della congruità del giudizio ...
Le nozioni di abuso del diritto ed elusione fiscale introdotte nello Statuto del contribuente
Com'è noto, il 1° ottobre 2015 è entrata in vigore la nuova disciplina (decreto legislativo 128/15) dell'abuso del diritto o elusione fiscale, nozione prevista adesso dall'articolo 10 bis dello Statuto del contribuente. Secondo le nuove disposizioni, configurano abuso del diritto una o più operazioni prive di sostanza economica che, pur ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su elusione, interposizione fittizia e poteri della corte di cassazione. Clicca qui.

Stai leggendo ELUSIONE, INTERPOSIZIONE FITTIZIA E POTERI DELLA CORTE DI CASSAZIONE Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 14 agosto 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria impresa e fisco Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca