Termini di efficacia del precetto

Iniziatasi l'esecuzione con un pignoramento fruttuoso, invece, il precetto acquisisce efficacia non più legata al suo inizio. Il debitore deve essere consapevole che, fino a quando egli non assolva ai suoi obblighi, si espone alla possibilità di nuove procedure espropriative.

Infatti, la Suprema Corte, con sentenza numero 9966 del 28 aprile 2006, ha precisato che il termine di novanta giorni, previsto dall'articolo 481 codice di procedura civile, entro cui l'esecuzione deve essere iniziata per ovviare alla comminatoria di inefficacia del precetto, è un termine di decadenza e non di prescrizione, attenendo all'inattività processuale del creditore e non all'effetto sostanziale del precetto. Ne consegue che, se entro il termine suddetto viene iniziata l'esecuzione, esauritasi la funzione del termine di decadenza, è possibile instaurare, anche dopo il decorso dei novanta giorni ed in base all'unico precetto, altre procedure espropriative col solo temperamento del divieto di cumulo eccessivo.

2 giugno 2013 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca