DSU/ISEE - Possibile riferirsi ai redditi percepiti l'anno precedente

DSU/ISEE - Possibile riferirsi ai redditi percepiti l'anno precedente

In generale, la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) ai fini ISEE è valida dal momento della presentazione fino al successivo 31 agosto. Fanno eccezione le DSU presentate dal primo gennaio 2019 al 31 agosto 2019 che scadranno prima, al 31 dicembre 2019.

La DSU ha validità dal momento della presentazione fino alla successiva scadenza. In ciascun anno, all’inizio del periodo di validità, i dati sui redditi e sui patrimoni presenti nella DSU sono aggiornati prendendo a riferimento il secondo anno precedente. Resta ferma la possibilità di aggiornare i dati prendendo a riferimento i redditi e i patrimoni dell’anno precedente, qualora vi sia convenienza per il nucleo familiare (comma 4, articolo 10 decreto legislativo 147/2017 – Disposizioni per l’introduzione di una misura nazionale di contrasto alla povertà.)

Come sappiamo, l’articolo 9 del DPCM 159/2013 regola i requisiti soggettivi ed oggettivi per poter presentare l’ISEE corrente al posto di quello ordinario, disponendo che in presenza di un ISEE in corso di validità, può essere calcolato un ISEE corrente, riferito ad un periodo di tempo più ravvicinato al momento della richiesta della prestazione, qualora vi sia una rilevante variazione nell’indicatore (variazione di almeno il 25% rispetto all’indicatore standard), e al contempo si sia verificata, per almeno uno dei componenti il nucleo familiare, nei 18 mesi precedenti la richiesta della prestazione, una delle seguenti variazioni della situazione lavorativa:

a) lavoratore dipendente a tempo indeterminato per cui sia intervenuta una risoluzione del rapporto di lavoro o una sospensione dell’attività lavorativa o una riduzione della stessa;

b) lavoratori dipendenti a tempo determinato ovvero impiegati con tipologie contrattuali flessibili, che risultino non occupati alla data di presentazione della DSU, e che possano dimostrare di essere stati occupati per almeno 120 giorni nei dodici mesi precedenti la conclusione dell’ultimo rapporto di lavoro;

c) lavoratori autonomi, non occupati alla data di presentazione della DSU, che abbiano cessato la propria attività, dopo aver svolto l’attività medesima in via continuativa per almeno dodici mesi.

L’ISEE corrente puo’ essere richiesto anche in caso di variazioni superiori al 25 per cento dell’indicatore della situazione reddituale corrente, rispetto all’indicatore della situazione reddituale calcolato in via ordinaria.

Adesso, l’Isee corrente potrà essere chiesto ancge se uno dei componenti il nucleo familiare è soggetto a interruzione di trattamenti assistenziali, previdenziali e indennitari, incluse carte di debito, a qualunque titolo percepiti da amministrazioni pubbliche (articolo 10, comma 5, decreto legislativo 147/2017).

21 Agosto 2019 · Genny Manfredi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Richiesta di bonus bebè - Quale nucleo familiare indicare nella Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) per la determinazione dell'Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE)?
Sono in attesa di un figlio e volevo avere un'informazione riguardo il calcolo dell'ISEE per la richiesta del Bonus Bebè che deve essere inferiore a 25000 euro. Io non lavoro e sono residente unicamente con mia madre, mentre il mio compagno è residente unicamente con sua madre e lavora. Volevo capire in questo caso quale sia l'ISEE che devo presentare per poter fare la richiesta di questo bonus. Se la somma dell'ISEE del mio nucleo familiare (me e mia madre) e quello del nucleo familiare del mio compagno (quindi lui e sua madre). ...

Redditi percepiti e patrimoni detenuti da indicare nella DSU/ISEE presentata a partire dal primo gennaio 2020 - Si devono riferire al 31 dicembre 2018
Devo ripresentare a giorni la DSU/ISEE aggiornata per la conferma del reddito di cittadinanza: al CAF mi hanno detto che non è necessario documentare ll saldo e la giacenza media di conto corrente al 31 dicembre 2019, perchè nel sistema sono registrati saldi e giacenza media risalenti al 31 dicembre 2018 comunicati con la DSU/ISEE 2019. Mi chiedo e vi chiedo: sul vostro sito ho letto testualmente che l'articolo 5 (Indicatore della situazione patrimoniale) del DPCM 159/2013 (Regolamento concernente la revisione delle modalità di determinazione e i campi di applicazione dell'Indicatore della situazione economica equivalente – ISEE) al comma 4 ...

Il nucleo familiare nella Dichiarazione sostitutiva Unica per determinare l'indicatore della Situazione Economica Equivalente in caso di figli minorenni
Nucleo familiare di quattro persone conviventi, due adulti (non sposati, no coppia di fatto, no unione civile) e due minorenni: madre di entrambi, padre solo del secondo. Nel caso del primo figlio riconosciuto solo dalla madre quali redditi bisogna dichiarare ai fini dsu/isee, solo quelli della madre e dei due figli o quelli dell'intero nucleo familiare? ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su dsu/isee - possibile riferirsi ai redditi percepiti l'anno precedente. Clicca qui.

Stai leggendo DSU/ISEE - Possibile riferirsi ai redditi percepiti l'anno precedente Autore Genny Manfredi Articolo pubblicato il giorno 21 Agosto 2019 Ultima modifica effettuata il giorno 16 Settembre 2020 Classificato nella categoria Article schema org Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 27 Settembre 2019 at 15:29

    La ringrazio per la sua risposta, ovviamente non avrei chiesto ciò se non mi fossi accertata di possedere tali requisiti, nello specifico appartengo alla casistica del gruppo B.
    Alla luce di ciò può quindi rispondere al mio precedente quesito?

    • Simone di Saintjust 27 Settembre 2019 at 17:01

      Se rientra nella casistica di cui al punto b), considerato che la variazione (quindi positiva o negativa) deve essere superiore al 25 per cento dell’indicatore della situazione reddituale corrente, calcolato rispetto all’indicatore della situazione reddituale dell’ISEE in corso di validità (articolo 9, comma 2 DPCM 159/2013), la risposta al suo quesito è senz’altro affermativa.

  • Anonimo 27 Settembre 2019 at 11:14

    Può essere attestata una DSU per ISEE Corrente con una variazione superiore al 25% IN POSITIVO (cioè con un valore superiore) rispetto alla precedente DSU?
    Capisco che è insolita come richiesta ma a me occorre ai fini di una borsa di studio universitaria per poter rientrare nella casistica dello “studente indipendente”, che superi quindi un dato reddito da lavoro dipendente o assimilati.

    • Simone di Saintjust 27 Settembre 2019 at 11:29

      Innanzitutto grazie per aver chiarito il contenuto della sua domanda: altrimenti avremmo certamente avuto qualche problema ad inquadrarla correttamente.

      Purtroppo, però, la normativa vigente (comma 5, articolo 2, DPCM 153/2019) stabilisce che L’ISEE può essere sostituito da analogo indicatore, definito ISEE corrente e calcolato con riferimento ad un periodo di tempo più ravvicinato al momento della richiesta della prestazione, quando nei 18 mesi precedenti la richiesta della prestazione, sia intervenuta una delle seguenti variazioni della situazione lavorativa (per almeno uno dei componenti il nucleo familiare): a) lavoratore dipendente a tempo indeterminato per cui sia intervenuta una risoluzione del rapporto di lavoro o una sospensione dell’attivita’ lavorativa o una riduzione della stessa; b) lavoratori dipendenti a tempo determinato ovvero impiegati con tipologie contrattuali flessibili, che risultino non occupati alla data di presentazione della DSU, e che possano dimostrare di essere stati occupati nelle forme di cui alla presente lettera per almeno 120 giorni nei dodici mesi precedenti la conclusione dell’ultimo rapporto di lavoro; c) lavoratori autonomi, non occupati alla data di presentazione della DSU, che abbiano cessato la propria attività, dopo aver svolto l’attività medesima in via continuativa per almeno dodici mesi.