Coppia di fatto con figlio riconosciuto e padre non convivente - Al CAF per la DSU/ISEE mi chiedono reddito e patrimonio del mio compagno

Ho letto che per una coppia di fatto come la mia il nucleo famigliare è quello dello stato di famiglia: mamma e bambino, perchè il papà è residente altrove e non siamo sposati.

Vorrei sapere se a Torino esiste una delibera specifica per cui va considerato anche il padre per fare l'ISEE. Preciso che io sono disoccupata e iscritta al collocamento e la figlia è a carico mio perchè residente con me.

Il papà spontaneamente ci regala mensilmente i soldi per le spese cibo e varie , bollette , asilo e paga l'affitto intestato a lui dell'alloggio dove viviamo io e la bimba.

Quando compirà 6 anni il bimbo avrà diritto alla mia esenzione E02? Abbiamo diritto alle agevolazioni luce, gas, mensa scolastica? Può esistere figlio a carico di disoccupato? Gli aiuti del papà vanno inseriti come reddito nell'ISEE? Il caf mi chiede tutti i dati (reddito, giacenza media, auto, ecc ecc ) del padre come se fossimo sposati in quanto lui non ha altri figli da altre donne.

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Argomenti correlati

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su coppia di fatto con figlio riconosciuto e padre non convivente - al caf per la dsu/isee mi chiedono reddito e patrimonio del mio compagno. Clicca qui.

Stai leggendo Coppia di fatto con figlio riconosciuto e padre non convivente - Al CAF per la DSU/ISEE mi chiedono reddito e patrimonio del mio compagno Autore Genny Manfredi Articolo pubblicato il giorno 20 febbraio 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 7 agosto 2017 Classificato nella categoria isee iseeu nucleo familiare e famiglia anagrafica (stato di famiglia) Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • Anonimo 11 febbraio 2019 at 13:04

    Buongiorno, vivendo una situazione analoga, genitori non sposati e non conviventi, quindi facente parte di un unico nucleo familiare non essendoci presupposti riconducibili alle casistiche che ne determinano l’estromissione di un genitore, in riferimento a quanto sopraesposto apprendo invece che “per quanto riguarda invece il bonus luce e gas, il compagno non convivente continuerà ad essere escluso dal nucleo familiare” . Ciò, non avendo mai fatto richiesta in precedenza per il bonus utenze, come verrà rilevato? In fase di compilazione del modulo indicherò la composizione del nucleo (che differirà perciò da quello dell’ ISEE) e quindi verrà rifatto un ricalcolo dell’ ISEE senza considerare i redditi del genitore non convivente? grazie

    • Ludmilla Karadzic 11 febbraio 2019 at 14:41

      Genitori non sposati e non conviventi fanno parte di nuclei familiari diversi. Solo per l’accesso alla prestazioni (asilo nido, bonus bebè) a beneficio del figlio minore riconosciuto da entrambi, il genitore che non convive con il minore viene incluso nel nucleo familiare del figlio (DSU/ISEE minorenni).

      Ma, per l’accesso ai benefici conosciuti come bonus gas e bonus elettricità, si presenta la DSU/ISEE normale, che si riferisce al nucleo familiare derivante dalla situazione anagrafica accertata con lo stato di famiglia del richiedente i bonus.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca