Dopo le cartelle esattoriale mute e quelle nulle arrivano le cartelle esattoriali false - Le riscuote a Roma un sedicente agente esattoriale di Equitalia

Cercasi finto agente delle tasse, per metterlo in manette: da tre giorni si dà da fare tra Appio e Tuscolano, prende di mira i commercianti e riscuote gabelle inesistenti con la stessa faccia tosta con cui Totò vendeva la fontana di Trevi. Ieri mattina ci ha provato con una gioielleria: «Si è presentato dicendo che era un messo di Equitalia Roma Spa, che non esiste per niente», spiega Equitalia-Gerit, la società incaricata delle riscossioni a Roma.

Il metodo è semplice: si presenta con un foglio in mano, un "estratto di ruolo" falso, artefatto apposta per giustificare la riscossione, mostrando codici di tributo inesistenti e confidando nella inevitabile confusione con una cartella esattoriale vera, in cui comunque ci vuole molta pazienza e buona volontà per capirci qualcosa.

In buona parodia della realtà, sfoggiando un perfetto burocratese puro ha provato a convincere il gioielliere a versare seduta stante i duecento euro di una fantomatica tassa, ma gli è andata male. Annusata l´irritualità della situazione, il gioielliere si è fidato dell´intuito e ha preso tempo, senza versare nulla. Poco dopo, congedato il finto "messo" ha chiamato il call center di Equitalia, chiedendo spiegazioni e scoprendo di aver subito un tentativo di truffa.

Non è la prima volta: martedì il call center aveva ricevuto un´altra segnalazione, la prima, proveniente da un esercizio commerciale. Stesse modalità, spiega Gerit: «Entrambe le volte una persona si è presentata dicendo che era un messo - spiega la società pubblica delle riscossioni - e doveva riscuotere tributi per conto di questa Equitalia Roma Spa che non esiste. I negozianti ci hanno contattato perché si sono accorti che qualcosa che non andava. Per esempio non era stato esibito alcun cartellino. In entrambi i casi pretendeva circa 200 euro per vari tributi giustificati da un estratto di ruolo falso.

Il "messo" è «un giovane in borghese», e potrebbe già aver riempito di tasse molti negozianti romani meno scrupolosi nel difendersi. «Pur con un apparente linguaggio burocratico - avvisa Equitalia-Gerit in una nota - la richiesta di pagamento è sicuramente identificabile come tentativo di truffa, in quanto non esiste Equitalia Roma Spa, e l´agente autorizzato alla riscossione dei tributi nella provincia di Roma è Equitalia-Gerit».

Una ben labile traccia per accorgersi della fregatura. Più semplice confidare in un´altra risorsa: «In nessun caso gli agenti della riscossione - spiega ancora Gerit - inviano messi notificatori per il pagamento di tributi. Il loro esclusivo compito è notificare la cartella di pagamento. Inoltre, il personale è munito di tesserino di riconoscimento, che va esibito». In caso di dubbio, meglio chiamare la polizia.

di Paolo G. Brera

27 febbraio 2009 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Link a ritroso

Stai leggendo Dopo le cartelle esattoriale mute e quelle nulle arrivano le cartelle esattoriali false - Le riscuote a Roma un sedicente agente esattoriale di Equitalia Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 27 febbraio 2009 Ultima modifica effettuata il giorno 1 maggio 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • maria laura sulis 10 febbraio 2010 at 12:32

    mi è arrivata una multacome amministartore dell’auto che era inteastata alla società che è stata chiusa da 2 anni,la devo pagare?

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca