Donazione - La dichiarazione del testatore di aver soddisfatto il legittimario mentre era in vita non ha valore senza la prova che le donazioni sono realmente state eseguite

Ai fini della determinazione delle quote di riserva spettanti alle singole categorie di legittimari è necessario fare riferimento alla situazione esistente all'apertura della successione, senza che su tale determinazione possa produrre effetti l'eventuale rinunzia o prescrizione di uno dei legittimari ad esercitare l'azione di riduzione

Ad affermarlo è la Corte di Cassazione, che, con la sentenza numero. 11737 del 15 maggio 2013, ha sancito che: Così come non è consentito al testatore di privare il legittimario della sua quota di riserva, ugualmente non gli è consentito ottenere il medesimo risultato mediante una dichiarazione testamentaria con cui si afferma di aver già tacitato il legittimario della sua quota di riserva mediante donazioni fatte in vita. In entrambe le situazioni il legittimario può esercitare l'azione di riduzione, spettando al soggetto interessato a far valere la validità della dichiarazione l'onere di provare che il legittimario è stato realmente tacitato mediante pregresse donazioni.

La questione sottoposta all'attenzione della giurisprudenza di legittimità riguarda una complessa vicenda successoria in cui il curatore fallimentare agiva in riduzione in luogo di uno dei soci falliti.

Oggetto del contendere era il valore da attribuire alla dichiarazione testamentaria con cui il de cuius dichiarava di aver già soddisfatto, mediante donazioni fatte in vita, il legittimario.

Primo aspetto analizzato dalla pronuncia precedentemente illustrata, riguarda il valore da attribuire alla dichiarazione testamentaria con cui il de cuius dichiara che un legittimario è stato già soddisfatto delle sue pretese mediante pregresse donazioni.

La Corte afferma al riguardo che il legislatore, prevedendo la successione necessaria, ha voluto garantire ad ogni legittimario una porzione di patrimonio del de cuius, e ciò anche contro la volontà di quest’ultimo.

Da tale assunto ne deriva che se non è consentito al testatore di privare il legittimario della sua quota di riserva, ugualmente non è consentito ottenere il medesimo risultato mediante una dichiarazione testamentaria con cui si afferma di aver già tacitato il legittimario della sua quota, con la conseguenza che entrambe le situazioni sono tutelabili mediante l'esercizio dell'azione di riduzione.

Peraltro, aggiunge la Corte, la dichiarazione effettuata dal testatore con cui si afferma di aver soddisfatto il legittimario mediante donazioni fatte in vita, non è assimilabile neppure ad una confessione stragiudiziale, in quanto il legittimario riveste la posizione di terzo rispetto al testatore ed i suoi eredi che sarebbero i beneficiari di tale dichiarazione.

La Corte quindi, attraverso una motivazione che tiene conto dei principi fondanti il sistema successorio, esclude che possa attribuirsi un valore decisivo alla dichiarazione del testatore di aver già soddisfatto in vita il legittimario, in quanto ciò significherebbe consentire al testatore di privare il legittimario della sua quota di riserva, risultato questo che il sistema della successione necessaria esclude.

Sempre in tema di tacitazione del legittimario mediante donazioni la Corte chiarisce che l'onere della prova circa l'effettiva tacitazione, ricade sul soggetto interessato a far mantenere la validità della disposizione testamentaria (l'erede) e non in capo al legittimario.

In tal senso, la dichiarazione di avvenuta tacitazione delle ragioni della legittimaria con donazioni in denaro costituisce una mera dichiarazione che non attiene alla volontà testamentaria in quanto la volontà del testatore non può incidere sulla quota di riserva.

Al contrario, essendo provato che le disposizioni testamentarie erano lesive della legittima, era onere di chi aveva interesse a negare la violazione dei diritti del legittimario, provare l'esistenza di donazioni idonee ad escluderla.

1 luglio 2013 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Argomenti correlati

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su donazione - la dichiarazione del testatore di aver soddisfatto il legittimario mentre era in vita non ha valore senza la prova che le donazioni sono realmente state eseguite. Clicca qui.

Stai leggendo Donazione - La dichiarazione del testatore di aver soddisfatto il legittimario mentre era in vita non ha valore senza la prova che le donazioni sono realmente state eseguite Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 1 luglio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria azione revocatoria e declaratoria di inefficacia degli atti del debitore Inserito nella sezione giurisprudenza.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • Anonimo 21 gennaio 2018 at 21:48

    Si ma il denaro che io ho dato per la compravendita mi sarà restituito dagli eredi che vogliono indietro immobile o perderò tutto?

    • Simone di Saintjust 21 gennaio 2018 at 22:05

      Certamente: a lei spetterà non solo il denaro versato per l’acquisto, ma anche quello speso per manutenzione e migliorie. Conservi sempre le fatture.

  • Anonimo 21 gennaio 2018 at 16:03

    Ho acquistato casa ad un prezzo inferiore del 40% PREZZO DI mercato, ho letto che gli eredi potranno in futuro ricorrere e far si che il mio immobile rientri nelle proprie mani, evidenziando che i loro genitori hanno venduto a me a prezzo basso evidenziando una finta vendita visto che il valore di mercato della casa era maggiore, ora io mi chiedo qualora questo succeda e visto che i loro genitori non saranno più in vita, io oltre alla casa perderò anche i soldi che realmente ho versato tramite bonifico ai genitori?oltre al danno la beffa….io in quella casa ho fatto pure dei lavori di ristrutturazione evidenziati dalle foto

    • Simone di Saintjust 21 gennaio 2018 at 17:17

      Ne ho viste tante di situazioni come la sua: tutto bene fin quando le cose vanno bene … Immagini una separazione o un divorzio. Sarà proprio il coniuge separato o l’ex coniuge ad aizzare sorelle e fratelli affinché denuncino (chiamando in causa proprio il coniuge separato o l’ex coniuge) la donazione simulata da finta vendita e chiederanno la riduzione delle donazioni effettuate in vita dal defunto per lesione della quota di legittima. Ci pensi mille volte prima di chiedere la separazione da sua moglie.



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca