Donazione immobile per evitare pignoramento? Attenzione

Donazione di immobile a parenti o amici per evitare il pignoramento » Quando è possibile e quando diventa reato

Effettuare la donazione del proprio immobile ad amici e parenti, per sfuggire al pignoramento, è in alcuni casi, un opzione valida, mentre in altri, è configurabile come reato: facciamo chiarezza sulla questione.

E' possibile effettuare la donazione della propria casa per sfuggire al pignoramento?

Se un contribuente si sottrae dal pagamento delle imposte allora sta compiendo un reato di sottrazione fraudolenta e questo anche nel caso in cui stia cedendo ad altri i propri beni pignorabili, rendendo impossibile per la legge, la riscossione forzata.

Il reato di sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte ricorre solo quando il contribuente compia atti di cessione dei beni tali da rendere inefficace la riscossione forzata.

È quanto chiarito dalla Cassazione con la sentenza 3011/17.

E' reato effettuare la donazione della casa per evitare il pignoramento

Vi spieghiamo perchè è reato effettuare la donazione della casa per evitare il pignoramento.

Cedere una casa solo per non farla pignorare al fisco è reato.

In particolare, la donazione a un parente o a un amico di un bene qualsiasi, e in particolare di un immobile di cui il contribuente è proprietario (anche solo di una semplice quota), con lo scopo di evitare che l'Agente della riscossione possa sottoporla ad esecuzione forzata, costituisce reato di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte.

Ma perché possa scattare la condanna penale è necessario che il proprietario non abbia altri beni da sottoporre a un pignoramento altrettanto efficace.

È quanto chiarito dalla Corte di Cassazione..

La legge punisce chiunque, al fine di sottrarsi al pagamento di imposte sui redditi o sul valore aggiunto ovvero di interessi o sanzioni amministrative relativi a dette imposte di ammontare complessivo superiore ad euro 50.000 euro, aliena simulatamente o compie altri atti fraudolenti sui propri o su altrui beni idonei a rendere in tutto o in parte inefficace la procedura di riscossione coattiva.

Ma quali sono i presupposti per l'illecito penale?

Quando effettuare la donazione dell'immobile configura reato

Ecco quando effettuare la donazione dell'immobile per sfuggire al pignoramento configura reato.

I presupposti per l'illecito penale sono i seguenti:

Al di là del procedimento penale, il fisco si può cautelare contro la donazione sospetta facendo sottoporre la casa a sequestro.

Il reato non scatta se il donante dimostra di essere proprietario di altri beni utilmente pignorabili.

In altre parole la donazione è illecita solo quando il fisco non abbia altre possibilità di avviare l'esecuzione forzata mentre, se si dimostra il contrario, si rimane liberi di vendere o donare i propri beni anche in presenza di consistenti debiti con l'erario.

Ai fini della consumazione del reato, non è più necessario (come invece in passato) l'effettivo avvio di un accertamento fiscale, né che la donazione della casa abbia effettivamente compromesso l'esecuzione esattoriale; al contrario è sufficiente la semplice ed eventuale possibilità che tale esecuzione sia resa inefficace.

Dunque, il reato di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte si può sostanziare in due diversi e alternativi tipi di condotta:

Non è vero, sottolinea la Corte, che qualsiasi donazione fatta in presenza di un accertamento fiscale o di una procedura esecutiva esattoriale sia di per sé fraudolenta, anche se oggettivamente diminuisce la garanzia patrimoniale.

Il giudice deve infatti valutare attentamente il vero «motivo del contratto», di modo da verificare quale fosse l'intento effettivo delle parti.

Il reato può scattare più facilmente a seguito delle recenti modifiche legislative che hanno reso impignorabile la prima casa.

In buona sostanza, se il debitore, vendendo o donando tutti i propri immobili, ne conserva uno solo, che però è civile abitazione non di lusso, e in esso vi ha fissato la propria residenza, detta casa non è pignorabile.

Tale comportamento ha di fatto reso impossibile qualsiasi tipo di esecuzione forzata ed è quindi reato.

10 febbraio 2017 · Andrea Ricciardi


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Donazione dopo l'accertamento fiscale - Può integrare il reato di sottrazione fraudolenta
Salvo che il fatto costituisca più grave reato, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni chiunque, al fine di sottrarsi al pagamento di imposte sui redditi o sul valore aggiunto ovvero di interessi o sanzioni amministrative relativi a dette imposte di ammontare complessivo superiore a circa ...
Trascrizione della donazione effettuata prima di quella del pignoramento » I beni del debitore sono intoccabili
In caso di trascrizione della donazione precedente a quella del pignoramento, il debitore che ha salvato il proprio patrimonio immobiliare non risponde di alcun reato nei confronti del creditore. Secondo la normativa vigente, i beni sottoposti a pignoramento, di regola, non possono essere toccati dal debitore. Non possono essere venduti, ...
Non integra reato lo scioglimento di una pregressa donazione a favore del debitore dopo la notifica ma prima della trascrizione del pignoramento
Non integra il reato di sottrazione di cose sot­toposte a pignoramento la donazione di un bene immobile effettuata dal debitore dopo la notifica, ma prima della trascrizione dell'atto di pignoramento, a causa della funzione costitutiva che la trascrizione assume nel dar vita al vincolo d'indisponibilità relativa a favore dei creditore ...
Non è reato prelevare dal conto corrente dopo la notifica di una cartella esattoriale o di un avviso di accertamento esecutivo
Non si configura di per sé il reato di sottrazione fraudolenta dei beni al fisco (previsto dall'articolo 11 del Dlgs numero 74/2000) nel caso in cui il contribuente pur sapendo di avere dei debiti con l'Erario - ad esempio a seguito della notifica di una cartella esattoriale - effettui dei ...
La simulazione dell'alienazione di un immobile può integrare il reato di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte dovute
Risponde del reato di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte, previsto dall'articolo 11 del Dlgs 74/2000, il contribuente che pone in atto la simulazione della vendita di un immobile, dopo aver ricevuto la notifica di una cartella di pagamento, non essendo sufficiente il sostenere di averlo fatto per aiutare il ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su donazione immobile per evitare pignoramento? attenzione. Clicca qui.

Stai leggendo Donazione immobile per evitare pignoramento? Attenzione Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 10 febbraio 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria donazioni e comodati Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca