Cartelle esattoriali - Il responsabile del procedimento

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

Considerato che l'articolo 1 della Legge 212/2000 (Statuto del contribuente) sancisce che "Le disposizioni della presente legge possono essere derogate o modificate solo espressamente e mai da leggi speciali", come può l'articolo 36, comma 4-ter del decreto legge 248/2007, limitatamente alle sole cartelle di pagamento, abrogare validamente al disposto dell'articolo 7, comma 2, Legge citata, in vigore dal 01/08/2000, il quale prevede che in tutti gli atti dell'Amministrazione finanziaria sia tassativamente indicato il responsabile del procedimento? Non dovrebbe prevalere tale ultimo disposto?

La previsione di nullità di un provvedimento amministrativo è di tale gravità che deve essere prevista esplicitamente dal legislatore, come ha evidenziato la sentenza di secondo grado della Commissione tributaria regionale di Venezia (n. 49/14/07 del 17 gennaio 2008). Nullità che però non è prevista dallo Statuto del contribuente (legge 212/2000) come sanzione per la mancanza del responsabile del procedimento amministrativo nelle cartelle di pagamento.

Il milleproroghe, poi, fa un passo in avanti rispetto allo Statuto del contribuente, stabilendo che, per i ruoli consegnati a partire dal 1° giugno 2008, le cartelle prive del nome del responsabile saranno nulle.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca