Whatsapp Plus: è una trappola? – Ecco come difendersi da finte App ruba dati

Qualche settimana fa, attratto da alcune funzioni interessanti, ho scaricato ed installato sul mio smartphone l’applicazione Whatsapp Plus.

Dopo qualche ora però, mi sono accorto che l’App chiedeva strane autorizzazioni per accedere a rubrica, foto, video, eccetera.

Sapendo che l’App ufficiale non si comporta in questo modo, ho disinstallato tutto in fretta e furia.

Vorrei sapere, si tratta di una trappola?

Cosa ho rischiato?

Non la si trova nei tradizionali store online, ma il rischio di cadere nella trappola è vivo: WhatsApp Plus è la recentissima applicazione maligna che espone a seri pericoli chi decide di installarla sul proprio smartphone.

Infatti, l’applicazione non è presente all’interno del Google Play Store o sull’App Store, ma sta girando sotto forma di link all’interno dei forum e delle chat di gruppo sulle app di messaggistica istantanea.

Quando si preme sul link, si viene trasferiti su una pagina dove è possibile scaricare WhatsApp Plus.

Una volta lanciata l’applicazione ci verrà chiesto di aggiornare WhatsApp a una nuova versione per ottenere delle nuove funzionalità: funzioni speciali che ogni utente di WhatsApp sogna, ma che per motivi diversi non sono presenti nella versione ufficiale dell’app.

Se si completa l’aggiornamento a WhatsApp Plus, però, non si ottengono le funzionalità promesse, ma verranno installati diversi virus sullo smartphone che hanno l’obiettivo di rubare i dati presenti.

L’applicazione maligna si rivela in grado di rubare tutte le informazioni memorizzate sullo smartphone, senza risparmiare fotografie e video, setacciando e facendo copia dei dati della rubrica e della agenda, disseminando piccole porzioni di codici maligni un po’ dovunque.

Il materiale rubato (informazioni ed immagini) viene poi piazzato su un server che risulta accessibile a chiunque con una micidiale dispersione universale di tanti piccoli segreti dei malcapitati.

A denunciare la presenza di WhatsApp Plus sono i ragazzi di Malwarebytes, esperti in sicurezza informatica e che sono sempre alla ricerca di nuovi pericoli presenti nella Rete.

Ma come difendersi e come riconoscere queste trappole?

Per prima cosa, va detto che non esistono versioni alternative di WhatsApp.

L’applicazione è una soltanto e si riconosce sul Google Play Store e sull’App Store perché ha un numero di download superiore al miliardo.

Inoltre, nel caso in cui gli sviluppatori rilasciano nuove funzionalità, l’aggiornamento sarà disponibile sugli store ufficiali e non bisognerà scaricarlo tramite un link inviato sui forum o nelle chat di messaggistica.

Infine, non cliccate mai sui link inviati da persone che non conoscete: è molto facile che si nascondano virus che rubano le informazioni personali o che bloccano il dispositivo.

Se ormai il danno è stato fatto, invece, è bene installare un antivirus in grado di effettuare una scansione e rimuovere i malware presenti.

11 Aprile 2018 · Gennaro Andele

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Foto dei figli minori pubblicate sui social nonostante l'opposizione della madre
Premetto di non avere social e di essere contraria: mio suocero condivide su whatsapp foto e video di mio figlio, pur sapendo che non voglio. Al mio compagno invece non fa ne caldo ne freddo. C'è qualche modo per mettere fine a questo comportamento irrispettoso? ...

Call center e truffa delle finte associazioni dei consumatori - Come difendersi?
Ho ricevuto delle strane chiamate da un call center che si proponeva come un'associazione dei consumatori e mi proponeva assistenza per cambiare operatore di telefonia fissa e internet. Mi sono, però, insospettito. Si tratta di una truffa? ...

Truffa dell'assegno per acquisto veicolo usato su Whatsapp - Come funziona e come farsi rimborsare
Attirato, su un sito di annunci, da un veicolo usato, con un prezzo molto vantaggioso, ho contattato il venditore su Whatsapp: dopo varie trattative, mi ha detto che c'erano anche altre persone interessate all'acquisto e che accettava solo assegni, e per provare la mia buona fede in merito alla compravendita dovevo inviare una foto dell'assegno compilato in chat. Pensando che con una foto non ci fosse nessun rischio e per non farmi scappare l'affare, gli ho inviato la foto. Il venditore, dopo avermi detto di attendere, si è però volatilizzato. Dopo qualche giorno, però, controllando il mio estratto conto, ho ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Whatsapp Plus: è una trappola? – Ecco come difendersi da finte App ruba dati