Vorrei restituire la carta di credito ma resterebbe uno scoperto di 2 mila euro che la banca non vuole rateizzare

Avendo dei problemi a pagare una carta di credito in un unica soluzione (ogni mese mi ritrovo 1400 euro di stipendio trattenuto interamente dalla banca per saldare la carta) non vorrei più utilizzarla.

Tuttavia, restituendola, resterebbe a debito un importo di circa 2 mila euro totale, che vorrei restituire con un tot mensile e non una tantum con il prelievo dal prossimo stipendio.

Una soluzione sarebbe quella di chiudere il conto corrente e restituire la carta prima dell'accredito dello stipendio. Il conto corrente può essere chiuso anche se la carta associata è in rosso.

Successivamente potrà provare a negoziare con la banca (o con la società di recupero crediti che le dovesse subentrare) il rimborso rateale del debito.

Male che le vada si troverà lo stipendio pignorato nella misura di 280 euro mese.

22 settembre 2016 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

carta di credito

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pagamenti di importo inferiore a 5 euro anche con bancomat e carta di credito
I soggetti che effettuano l'attività di vendita di prodotti e di prestazione di servizi, anche professionali, sono tenuti ad accettare anche pagamenti effettuati attraverso carte di debito e di credito; tale obbligo non trova applicazione nei casi di oggettiva impossibilità tecnica. Al fine di promuovere l'effettuazione di operazioni di pagamento ...
Carta di credito prepagata – una soluzione percorribile per chi ha subito un protesto
La carta prepagata è uno strumento rilasciato a fronte di un versamento anticipato di fondi effettuato all'emittente. Essa incorpora il potere d'acquisto pagato in via anticipata dal titolare della carta e viene emessa da banche, nel caso in cui la carta sia spendibile presso una molteplicità di esercenti (carta a ...
Acquisti online con carta di credito - La banca non risponde dell'inadempimento dell'esercente
La domanda è se sussiste, in capo all'utilizzatore di una carta di credito, il diritto al rimborso, da parte della banca, dell'importo di una transazione disposta mediante carta di credito prepagata per un acquisto effettuato online, in relazione all'inadempimento imputabile all'esercente, beneficiario del pagamento medesimo. Il contratto standard espressamente dispone ...
Il charge back degli importi addebitati sulla carta di credito e non riconosciuti dal titolare
Le convenzioni che regolano il servizio di carta di credito prevedono che se il titolare di una carta dovesse disconoscere qualsiasi addebito effettuato attraverso Internet e dovesse affermare di non aver ricevuto la merce e/o i servizi, l'emittente potrà procedere al riaddebito totale dell'importo, così configurando un diritto potestativo dell'emittente ...
Conto corrente cointestato a firma congiunta - La banca deve restituire gli importi prelevati separatamente da uno dei cointestatari
E' corretta la condotta della banca che consente un prelievo sulla base di un'autorizzazione rilasciata da uno solo dei cointestatari di un conto corrente che prevede la necessità della firma congiunta di entrambe i contitolari? Se i cointestatari optano per un regime a firma congiunta del conto corrente, è sicuramente ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca