Vorrei chiudere il conto corrente, ma è in rosso e la banca si rifiuta - C'è qualcosa che posso fare?

Ho un conto corrente, purtroppo in rosso per una serie di vicissitudini che non sto qui a raccontare: la banca mi ha risposto che il conto corrente resterà aperto fino a quando non ripianerò il debito. Ma in questo modo, non avendo soldi per pagare, il debito si accrescerà nel tempo con le spese di gestione. La banca è nel giusto? C'è qualcosa che posso fare?

Secondo la giurisprudenza dell'Arbitro Bancario Finanziario (ABF) il titolare di contratto di conto corrente ha diritto ad ottenere la chiusura dello stesso mediante semplice dichiarazione di volontà indirizzata alla banca.

L'articolo 1855 del codice civile, infatti, prevede che se l'operazione regolata in conto corrente è a tempo indeterminato ciascuna delle parti può recedere dal contratto, dandone preavviso, di norma, nel termine di quindici giorni.

In più di una occasione, l'ABF ha chiarito che la cessazione del rapporto di conto corrente si produce per effetto della semplice dichiarazione del cliente formulata alla banca, indipendentemente dalla sussistenza di un saldo negativo del conto.

Pertanto è illegittima la prassi di rifiutare la chiusura del conto corrente e mantenere in vita il rapporto in ragione dell'esistenza di un saldo negativo a carico del cliente.

Lei potrà chiedere la detrazione dal saldo negativo degli importi che, eventualmente, le dovessero essere addebitati per le spese di tenuta del conto successivamente alla data in cui quest’ultimo avrebbe dovuto essere estinto (al massimo quindici giorni dopo l'istanza di cessazione del rapporto di conto corrente).

Per raggiungere lo scopo il suggerimento è quello di inoltrare da subito, alla banca, con raccomandata AR, istanza di reclamo al diniego di chiusura del conto corrente con diffida di storno delle ulteriori spese di gestione che dovessero essere addebitate all'attuale saldo negativo.

Qualora, nel termine di trenta giorni, la banca continuasse a insistere nella decisione di non procedere alla chiusura del rapporto di conto corrente o qualora la sua istanza dovesse essere elusa con il silenzio, allora potrà rivolgersi all'Arbitro Bancario Finanziario: si tratta di una procedura semplice, che costa al massimo 20 euro più le spese di invio, tramite posta, di una memoria che descrive gli eventi in parole semplici. Non è necessario alcun supporto legale.

Qui le istruzioni da seguire per presentare il ricorso all'Arbitro Bancario Finanziario.

14 ottobre 2017 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

conto corrente - chiusura in rosso
conto corrente e libretto di deposito
ricorso arbitro bancario finanziario

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Non è possibile chiudere un conto corrente se è utilizzato per il pagamento delle rate di un prestito concesso dalla stessa banca
Abbiamo già avuto modo di vedere, in altri articoli, che è illegittimo il rifiuto della banca alla chiusura del conto corrente motivandolo con l'esistenza di un saldo negativo, dal momento che la giurisprudenza ha evidenziato che il diritto di recesso dai contratti a tempo indeterminato è riconosciuto al correntista ai ...
Chiusura del conto corrente - la banca non può condizionarla alla restituzione di un debito del cliente
Può accadere che la banca opponga rifiuto alla richiesta di chiusura del conto formulata dal cliente, giustificando tale rifiuto con il mancato rimborso di somme indebitamente versate al correntista a titolo di stipendio e tredicesima mensilità. Può accadere anche che, dopo il rifiuto di chiudere il conto corrente, trascorrano degli ...
Il cliente ha sempre diritto a chiudere un conto corrente anche se in rosso
Il cliente ha diritto di recedere in qualsiasi momento, attraverso un'apposita dichiarazione, da un contratto di conto corrente, senza penalità e senza spese, anche in presenza di un eventuale saldo debitore nel momento di esercizio del relativo diritto. Se nel contratto di conto corrente non è stabilito un termine più ...
Tempestività del recesso dal contratto di conto corrente - La banca non deve far gravare sul cliente inutili spese di gestione
Il riconoscimento del diritto di recesso dal rapporto di conto corrente a tempo indeterminato impone di per sé che l'interesse del correntista recedente non sia inutilmente frustrato dalla banca, la quale deve porre in essere un comportamento attivo, al fine di rendere possibile l'esercizio di tale diritto secondo modalità rapide ...
Rapporto di conto corrente - La banca deve astenersi da qualsiasi movimentazione successiva alla morte del titolare
Il rapporto di conto corrente, in quanto riconducibile al rapporto di mandato, deve ritenersi automaticamente estinto con il decesso del titolare. Infatti, sebbene la normativa concernente il conto corrente bancario non specifichi gli effetti conseguenti al decesso del titolare, tuttavia, la dottrina e la giurisprudenza prevalenti vedono nel conto corrente ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca