La voltura di un contratto per fornitura energia può implicare accettazione tacita dell'eredità?

Mio papà è mancato un mese fa e aveva intestato a lui tutti i vari contratti energia, gas, rifiuti, acqua e telefono: dove abitava era usufruttuario ed io proprietario dell'immobile come da visura catastale.

Nelle scorse settimana insieme al notaio abbiamo appurato che mio papà ha dei debiti e la volontà è quella di rifiutare l'eredità perchè i debiti superano i crediti (non è stato ancora fatto l'atto).

Ho fatto le volture per proprietà specificando alle varie aziende che richiedevo una voltura tra due persone sconosciute (no per eredità o per familiare convivente) successivamente ho trovato il vostro sito ed ora mi vengono i sudori freddi in quanto molti post parlano/consigliano il subentro e non la voltura se non si vuole tacitamente accettare l'eredità.

Tutti i contratti hanno un ID (e un codice utente) diverso rispetto a quello di mio papà e tutte le fatture di mio papà ho specificato verranno poi recapitate all'indirizzo di mio papà e le porterò al notaio e poi valuteremo il da farsi.

Ci spiace che lei abbia sudato freddo leggendo un nostro titolo in cui si specificava che le volture comportano accettazione tacita dell'eredità. Tuttavia, il contenuto del post specificava il contesto con maggiore completezza e chiarezza: si trattava di volture catastali e non di utenze.

In altre occasioni è forse stato consigliato il subentro, ma per un eccesso di scrupolo, per evitare qualsiasi remota contestazione, e solo perchè chi ci aveva interpellato aveva espresso l'intenzione di rinunciare all'eredità, ma non aveva ancora effettuato l'operazione di voltura/subentro.

Ed anche perchè, soprattutto con la voltura, si è tenuti al pagamento dei corrispettivi ancora dovuti (morosità pregresse) dal precedente titolare del contratto di fornitura di energia elettrica e/o gas, quando sussistano rapporti di parentela o di fatto tali da presupporre una continuità con il cliente uscente: e, il pagamento da parte del chiamato dei debiti ereditari, beninteso con denaro dell'eredità, presupporrebbe, giuridicamente, accettazione tacita dell'eredità.

Tuttavia, la voltura di un contratto di fornitura di energia - in assenza di morosità pregresse - è semplicemente la variazione della titolarità di un contratto da un cliente ad un altro con il medesimo venditore con il quale è possibile negoziare anche nuove condizioni contrattuali, senza interruzione dell'erogazione di energia elettrica e di gas. L'esigenza di non interrompere l'erogazione di energia non può certo determinare, a nostro modesto avviso, l'accettazione tacita di eredità.

E, ad oggi, è quello che conta, la giurisprudenza di legittimità è unanime nel considerare come accettazione tacita dell'eredità le volture catastali dei beni appartenenti al de cuius (senza alcun riferimento alle volture dei contratti di fornitura di energia).

6 dicembre 2018 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

contratti fornitura luce gas acqua fonia – subentro
contratti fornitura luce gas acqua fonia – voltura umana o subentro totale
rinuncia eredità

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?



lunghezza totale = 7614

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca