Cancellazione del volo a causa di sciopero – Il consumatore ha diritto al rimborso?

Dovevo partire con la mia famiglia per un weekend in Sicilia, ma il volo è stato cancellato a causa di uno sciopero degli assistenti di volo: la compagnia aerea non ha voluto, però, riconoscermi un rimborso.

Ciò, poiché l’evento è stato definito causa eccezionale.

E’ giusto tutto questo?

Ho diritto a un risarcimento

Molto spesso può accadere che i consumatori siano lasciati a terra dalle compagnie aeree a causa degli scioperi del personale di bordo che portano a cancellazioni di voli (e inenarrabili odissee per chi viaggia).

Ma in questo casi si ha diritto al rimborso?

La questione è stata oggetto di una sentenza della Corte di Giustizia (C-195/17) che si è occupata di un caso riguardante la cancellazione nel 2016 dei voli della compagnia TUIfly.

I disagi erano dovuti alle assenze in massa del personale, che si era messo in malattia dopo aver appreso che l’azienda avrebbe avviato un piano di ristrutturazione.

Così, nei primi giorni di ottobre 2016 piloti e equipaggio di cabina della compagnia TUIfly si erano assentati in alta percentuale con pesanti ripercussioni, ritardi e cancellazioni.

L’evento fu definito sciopero selvaggio trattandosi di manifestazione non organizzata dai sindacati, ma (e qui sta l’importanza del provvedimento) secondo la Corte, lo sciopero fu diretta conseguenza di una decisione della compagnia: le ristrutturazioni rientrano nell’ordinaria gestione aziendale e possono verosimilmente causare conflitti con il personale dipendente coinvolto.

Insomma lo sciopero (sia pur selvaggio) non può essere considerato come causa eccezionale.

Eppure, se un consumatore si rivolge all’ENAC (Ente Nazionale per l’aviazione Civile), gli viene riferito che gli scioperi regolarmente proclamati e indetti dai rappresentanti dei lavoratori dovrebbero rientrare nell’ambito delle circostanze eccezionali.

Le cose non stanno proprio così: come previsto negli orientamenti della Commissione Europea, infatti, deve essere svolta una valutazione caso per caso al fine di valutare l’effettiva sussistenza di cause eccezionali per l’esclusione dell’obbligo del vettore di corrispondere la compensazione per la cancellazione o per il ritardo superiore alle tre ore.

Ecco perché, includere lo sciopero tra le cause di esclusione dei rimborsi, è informazione comunque fuorviante posto che la Corte di Giustizia dice che le due condizioni (cumulative) affinché un evento possa essere qualificato come «circostanza eccezionale» sono queste: la circostanza non deve essere, per sua natura o per sua origine, inerente al normale esercizio dell’attività della compagnia aerea e deve sfuggire all’effettivo controllo di quest’ultima.

Dunque, d’ora innanzi, se vi capitasse di restare a terra a causa di uno sciopero del personale della compagnia aerea, è molto probabile che vi spetti un indennizzo!

23 Ottobre 2019 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Volo in ritardo e perdita della coincidenza - Posso ottenere risarcimento danni?
In data 18 Gennaio 2018 dovevo recarmi a Londra per il matrimonio di mio fratello, che ormai vive li da più di quindici anni or sono. Partendo da Palermo, ho dovuto fare scalo a Roma per prendere poi il volo che mi avrebbe portato nella Capitale inglese. Il volo Palermo-Roma, già partito con due ore di ritardo, è arrivato a Roma con ulteriori due ore, per, complessivamente, quattro ore di ritardo. Così, ho perso la coincidenza per Londra e ho dovuto prendere, a mie spese, l'aereo successivo. Sono arrivato al matrimonio a cerimonia avvenuta e con una grande rabbia. Vorrei ...

Cancellazione volo e mancata assistenza a terra - Per il passeggero risarcimento minimo
Diversamente dal diritto del passeggero alla compensazione pecuniaria, l'obbligo di assistenza a terra in favore del passeggero, in caso di significativi ritardi o di cancellazione del volo, sussiste anche nel caso in cui il ritardo o la cancellazione siano dovuti ad eventi eccezionali non imputabili al vettore. La validità di tale affermazione trova riscontro nella giurisprudenza della Corte di Giustizia europea, che ha correttamente evidenziato come nei regolamenti vigenti non vi è alcuna disposizione che riconosca, una distinta categoria di eventi «particolarmente eccezionali, tali da liberare il vettore da tutti i suoi obblighi. La ricorrenza di circostanze eccezionali, come uno ...

Coronavirus: volo cancellato con Ryanair? - O accetti il voucher o aspetti 12 mesi per il rimborso
A causa dell'emergenza Coronavirus mi sono stati cancellati due voli, andata e ritorno, dalla compagnia Ryanair: ancora non ho ricevuto rimborso ma mi è stato proposto un voucher per voli successivi (una sorta di buono), che vista la situazione probabilmente non utilizzerò mai. Cosa devo fare per ottenere il rimborso economico? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Cancellazione del volo a causa di sciopero – Il consumatore ha diritto al rimborso?