Versamento in contanti di grossa somma - Come procedere e quali rischi si corrono?

In riferimento a questa discussione e pure a quest'altra che l'aveva preceduta, volevo aggiungere che dalla vendita del fabbricato rimarranno circa 70 mila euro: vorrei toglierli in blocco dal conto corrente per evitare possibili futuri pignoramenti, e darli ad una persona fidata, in contanti, dal momento che ogni transazione tracciabile, come bonifico, donazione o simili sarebbe soggetta ad azione revocatoria.

La domanda è se per questa persona sia possibile aprire dal nulla un cc versando 70.000 euro in contanti. La risposta probabile è no, che dovrebbe giustificarne la provenienza. Dunque come fare? Se si facesse una scrittura privata tra me e questa persona, certificando la provenienza del denaro, tale scrittura sarebbe sufficiente per la banca? Ma soprattutto, una scrittura privata può essere controllata dall'agenzia delle entrate o da altri creditori?

Se il soggetto terzo (questa persona) ha i requisiti per aprire e disporre di un conto corrente bancario o postale (non è stato protestato o segnalato in Centrale Rischi, giusto per fare qualche esempio) egli può sicuramente versare (e la banca/ufficio postale deve accettare il versamento e non può opporre un diniego) una somma in contanti pari o superiore alla soglia di tremila euro fissata dalla normativa vigente come limite per i trasferimenti di denaro contante fra privati (rientrano in questa categoria gli acquisti effettuati in negozio, o in una catena commerciale, il pagamento del conto del dentista, dell'idraulico, del commercialista o di qualsiasi altro professionista, eccetera, eccetera).

La banca, tuttavia, sarà obbligata a segnalare il versamento, e chi lo ha effettuato, alle Autorità competenti ed il soggetto terzo (la persona fidata) verrebbe sicuramente chiamata dall'Agenzia delle Entrate (nel migliore dei casi) a giustificare la provenienza del denaro.

Cosa potrà argomentare questo signore per evitare di essere accusato di aver versato in conto corrente redditi percepiti in nero (o, peggio, di aver riciclato in conto corrente proventi di reato)?

Semplicemente che la somma depositata in conto corrente è una donazione disposta da indebitato1, ed indebitato 1, anche lui chiamato a giustificare la provenienza di quella disponibilità, dovrà esibire le carte della vendita dell'immobile.

E, saremmo, punto e a capo! Per la delicatezza e la criticità degli argomenti affrontati, questa discussione deve considerarsi esaurita.

15 dicembre 2016 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento conto corrente e libretto di deposito

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Quando una scrittura privata non autenticata ha data certa
Qualora la scrittura privata non autenticata formi un corpo unico col foglio sul quale è impresso il timbro postale, la data risultante da quest'ultimo è data certa della scrittura, perché la timbratura eseguita in un pubblico ufficio equivale ad attestazione autentica che il documento è stato inviato nel medesimo giorno ...
Risarcimento del danno biologico - Se il danneggiato muore in corso del giudizio di liquidazione
Ove la persona danneggiata muoia nel corso del giudizio di liquidazione del danno per causa indipendente dal fatto lesivo di cui il convenuto è chiamato a rispondere, la determinazione dei danno biologico che gli eredi del defunto richiedano per diritto di successione va effettuata non più con riferimento alla durata ...
Espropriazione esattoriale di immobile di provenienza ereditaria - quando è nulla
E' compito del creditore procedente dimostrare la trascrizione di un titolo d'acquisto a favore del debitore sottoposto ad esecuzione, nonché l'assenza di trascrizioni a carico dello stesso debitore relative ad atti di disposizione del bene, precedenti la trascrizione del pignoramento. Spetta al giudice dell'esecuzione verificare la titolarità, in capo al ...
Separazione: ripartizione immobili tra ex coniugi » Si a scrittura privata
Sì alla scrittura privata, parallela alla separazione consensuale, per ripartire gli immobili tra il coniuge debole ed i figli. Questo basilare pensiero è stato espresso dalla Corte di Cassazione la quale, con la sentenza 21736/13, ha stabilito che: Alle pattuizioni convenute dai coniugi prima del decreto di omologazione e non ...
Dichiarazione dei redditi congiunta - i rischi che si corrono
La normativa concede ai coniugi, non legalmente ed effettivamente separati, la facoltà di presentare su un solo modello la dichiarazione (congiunta) dei redditi di ciascuno di essi, disponendo che, in tale ipotesi, la notifica della cartella esattoriale per l'imposta sul reddito eventualmente iscritta a ruolo (omesso o insufficiente pagamento) sia ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca