Versamenti su conto corrente per regali - Accertamento fiscale: non ho prove da fornire

Due anni fa, ho ricevuto diversi assegni dai miei parenti e amici per il mio compleanno: ho versato tutto sul mio conto corrente in banca.

In merito a questi versamenti, mi è stato fatto un accertamento fiscale dall'Agenzia delle Entrate.

Mi hanno chiesto di fornire la prova che i soldi siano esenti da tassazione e che siano davvero regali: ma io, dopo due anni non ho nessuna prova da fornire.

Inoltre, non mi è certo saltato in mente di far sottoscrivere ai miei parenti ed amici che gli assegni fatti siano stati emessi per regalo.

A chi verrebbe in mente una cosa del genere?

Cosa devo fare? Cosa rischio?

Purtroppo, in Italia, se il fisco decide di effettuare un accertamento bancario sul tuo conto corrente e trova dei versamenti, sei costretto a spiegare, per ciascuno di essi, le ragioni e la provenienza del denaro.

Vige, infatti, il principio che tutti i versamenti non giustificati si presumono essere dei pagamenti ricevuti da terzi, ossia redditi.

E i redditi, come si sa, vengono tassati.

Non importa se per tali somme hai già versato le imposte o se si tratta di redditi esenti, ecc: se hai perso le prove o memoria della provenienza dei soldi per lo Stato rileva il fatto che tu non sia riuscito a fornire una giustificazione a tuo favore.

Questo principio è ribadito anche dalla giurisprudenza legittima: infatti, la Suprema Corte, con sentenza 2649/18, ha chiarito che a presunzione legale nascente dall'art. 32 c. 1 n. 2 dpr n. 600/73, può essere vinta dal contribuente soltanto se offre la prova liberatoria che dei movimenti sui conti bancari egli ha tenuto conto nelle dichiarazioni.

Viene ricordato ancora una volta, dunque, come la legge imponga al contribuente, di tenere traccia di tutti i versamenti sul conto per essere pronto a fornire giustificazioni al fisco.

La prova deve essere anche scritta: una scrittura privata autenticata, un atto notarile o registrato, un documento comunque con una data comunque oppure un estratto conto.

Altrimenti, dopo l'accertamento fiscale, rischierai di pagare le tasse su soldi regalati (su cui non sono dovute).

Prevenire è meglio che curare.

12 febbraio 2018 · Gennaro Andele

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

avviso di accertamento
fisco tributi e contributi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Accertamento fiscale - Per presunzione legale i versamenti in conto corrente sono sempre redditi, compensi o ricavi
Gli uffici delle imposte possono invitare i contribuenti, indicandone il motivo, a comparire di persona o per mezzo di rappresentanti per fornire dati e notizie rilevanti ai fini dell'accertamento nei loro confronti, anche relativamente ai rapporti ed alle operazioni in conto corrente la cui documentazione sia stata già acquisita agli ...
Per il fisco gli accrediti in conto corrente sono sempre redditi imponibili: a carico del contribuente, sottoposto ad accertamento fiscale, l'onere di dimostrare il contrario, indicando la provenienza e la destinazione dei singoli movimenti nonché le diverse cause giustificative
Come è noto, l'Agenzia delle Entrate può richiedere dati, notizie e documenti relativi a qualsiasi rapporto intrattenuto da banche e finanziarie con i propri clienti: il contribuente è tenuto a fornire non una prova generica, ma una prova analitica, con indicazione specifica della riferibilità di ogni versamento bancario, in modo ...
Conto corrente cointestato » Non è scontato che le somme contenute siano divise al 50% tra i due cointestatari
In un conto corrente cointestato, non è scontato che le somme contenute siano divise al 50% tra i due cointestatari. Se un conto corrente bancario è cointestato, le giacenze che esso ospita si presumono appartenenti ai cointestatari in quote eguali; si tratta però di una presunzione vincibile mediante una prova ...
I redditi occulti e non dichiarati dal contribuente possono essere provati dall'esame dei movimenti in conto corrente di un familiare o di un collaboratore
Spetta all'Amministrazione finanziaria che contesti i dati esposti nella dichiarazione in verifica, fornire la prova dei maggiori redditi occulti: tale prova può essere raggiunta anche mediante l'accertamento di circostanze indiziarie idonee a costituire una valida presunzione. Ad esempio, idonee a costituire una valida presunzione è la stretta contiguità (familiare, collaborativa, ...
Accertamento fiscale » Occhio ai consumi di energia: l'Agenzia delle Entrate può servirsene
Accertamento fiscale: i consumi di energia in soccorso dell'Agenzia delle Entrate. Il fisco può ricorrere alle cosiddette presunzioni supersemplici per accertare l'esistenza di ricavi superiori a quelli contabilizzati dal contribuente. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 20897/14. Non è illegittimo presumere maggiori ricavi non dichiarati ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande