Versamento in conto corrente di una somma rilevante in contanti - Quali problematiche fiscali, e non, potrebbero essere chiamato ad affrontare?

Una somma risparmiata negli anni, circa 30 mila euro, in contanti, che ora si volesse versare in banca per poterne fare un utilizzo d'investimento, come si può versare? Ho letto che i versamenti cash sono a rischio d accertamenti fiscali. Naturalmente non posso provare la provenienza, sono semplicemente risparmi di anni. Possibile che ci sia un rischio?

A quanto ammontano le multe per mancata prova di provenienza?

Costituisce un elemento di sospetto il ricorso frequente o ingiustificato a operazioni in contante, e, in particolare, il prelievo o il versamento in contante di importo pari o superiore a 15 mila euro (articolo 41 dlgs 231/2007).

Un versamento di 30 mila euro cash in conto corrente, verrà pertanto segnalato dalla banca (o dall'ufficio postale) all'UIF (Unità di Informazione Finanziaria) istituita presso Banca d'Italia, che, a sua volta, trasmetterà le informazioni acquisite alla DIA (Direzione Inestigativa Antimafia) e al Nucleo speciale di polizia valutaria della Guardia di finanza che svolgeranno gli approfondimenti investigativi anche avvalendosi dei dati contenuti nell'anagrafe tributaria.

Va inoltre ricordato che i flussi informativi inerenti gli accrediti in conto corrente, bancario o postale, vengono (tutti) periodicamente inviati all'Agenzia delle entrate che li elabora per individuare eventuali profili di evasione o elusione fiscale, anche aggregando dati riferiti al trasferimento artificiosamente frazionato di importi inferiori, in finestre temporali più o meno ampie.

E' evidente, da quanto sopra, che un versamento cash (anche se frazionato nel tempo) di 30 mila euro (prelevati dal classico materasso e portati in banca) comporta dei rischi: in particolare l'Agenzia delle entrate potrà presumere che si tratti di proventi sottratti a tassazione, pretendendo le imposte sul reddito presunto accertato e irrogando le conseguenti sanzioni per l'omessa dichiarazione.

Insomma, conviene spenderli pian piano dal pizzicagnolo sotto casa ...

20 maggio 2017 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

avviso di accertamento
norme antiriciclaggio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Accertamento fiscale - Per presunzione legale i versamenti in conto corrente sono sempre redditi, compensi o ricavi
Gli uffici delle imposte possono invitare i contribuenti, indicandone il motivo, a comparire di persona o per mezzo di rappresentanti per fornire dati e notizie rilevanti ai fini dell'accertamento nei loro confronti, anche relativamente ai rapporti ed alle operazioni in conto corrente la cui documentazione sia stata già acquisita agli ...
Conto corrente » Se la banca non produce gli estratti conto dall'inizio del rapporto con il cliente il saldo iniziale del conto si considera pari a zero
La banca, per dimostrare la legittimità del proprio credito, deve conservare le scritture contabili del conto corrente dall'inizio del rapporto con il proprio cliente e, comunque, per almeno 10 anni. Qualora venga accertato il diritto del cliente alla ripetizione delle somme pagate indebitamente, la banca è tenuta a produrre gli ...
Libretti di deposito o di risparmio - dopo un versamento controllare sempre l'avvenuta annotazione
Le annotazioni sul libretto di deposito o di risparmio, firmate dall'impiegato della banca, fanno piena prova nei rapporti fra la stessa e il depositario. Se manca un'annotazione ed il denaro è stato comunque versato "brevi manu" all'impiegato, si può superare questa presunzione con la dimostrazione che un'operazione di versamento di ...
Accertamenti fiscali notificati con PEC (Posta elettronica certificata) » Sono tutti nulli
Sono da considerarsi nulli tutti gli accertamenti fiscali notificati con la Posta elettronica certificata, meglio nota come Pec. La notifica a mezzo Pec se non è espressamente prevista da una norma deve ritenersi esca fuori dal modello delle notificazioni e nessuna norma autorizza che possa avvenire la notifica di un ...
La chiusura agevolata delle liti fiscali pendenti non avrà alcun effetto sull'azione di recupero contributiva
Come è noto, l'Agenzia delle Entrate, provvede al controllo formale e sostanziale delle dichiarazioni dei redditi ed effettua i relativi accertamenti. A seguito dei controlli dell'Amministrazione finanziaria, sul maggior reddito accertato verranno calcolati e richiesti anche i contributi previdenziali dovuti dai lavoratori autonomi. Al fine di deflazionare il contenzioso in ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca