Verbale redatto su base testimonianze successive ad incidente stradale

La Polizia Municipale di Genova, intervenuta a seguito di incidente, contesta la violazione dell'art. 154 c4, uso improprio di segnalazione di cambiamento di direzione in presenza di segnaletica orizzontale contraria, accertato sulla base di testimonianza successiva.

a)La dichiarazione di un testimone oculare, peraltro favorevole, afferma che la mia autovettura, ferma al momento dell'incidente, aveva l'indicatore di direzione sinistro acceso.
b) il conducente del motociclo coinvolto nell'incidente dichiara che stavo svoltando a sinistra pur essendo ancora nella corsia di marcia.
c) le dichiarazioni del motociclista sono risultate non veritiere sulla base della tesimonianza oculare e degli accertamenti dei Vigili (superava contromano).
d) Io non stavo svoltando ma superando un motociclista in fase di posteggio sul lato destro della strada.
e) la relazione dell'incidente stradale, sulla base della quale é stato emesso il verbale, contiene un errore formale.

Dichiara erroneamente che l'infrazione in argomento deve essere contestata al motociclista e non allo scrivente.

Esistono elementi per rendere nullo il verbale?

Penso che sussistano gli estremi per presentare ricorso, con ottime possibilità di ottenere l'annullamento del verbale e successivamente evitare le ripercussioni negative di un concorso di colpa nel sinistro, per quanto attiene gli aspetti di risarcimento danni.

15 febbraio 2012 · Ludmilla Karadzic

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Multe - Gli ausiliari del traffico non possono elevare multe ai ciclomotori parcheggiati sui marciapiedi
Gli ausiliari del traffico non possono somministrare multe ai ciclomotori parcheggiati sui marciapiedi. Su tale base la Cassazione ha accolto il ricorso di chi aveva contestato un verbale notificatogli per tale motivo. In primo grado  grado il Giudice di pace aveva ritenuto valido la multa della polizia municipale, conseguito alla segnalazione ...
Sinistro stradale con morte del conducente » Guida spericolata? Nessun risarcimento danni
Sinistro stradale a causa di velocità eccessiva e inadeguata al contesto: motociclista colpevole per il drammatico incidente. Non sussiste alcun risarcimento danni. Alla persona deceduta in un sinistro stradale, vista la cattiva condotta tenuta alla guida, è addebitabile l'incidente che gli è costato, purtroppo, la vita. Ciò rende inutile la ...
Come comportarsi dopo un incidente stradale » La denuncia di sinistro
Quando ci si imbatte in un un sinistro, per effettuare qualunque tipo di azione assicurativa, bisogna denunciare l'incidente entro 3 giorni dal fatto. Per molte compagnie, la procedura può essere effettuata anche via telefono o via internet. Altrimenti, si può usare la tradizionale lettera raccomandata con ricevuta di ritorno. La ...
Sinistro stradale » Pericolo conosciuto? No al risarcimento danni
Non vi è risarcimento danni per chi, coinvolto in un sinistro stradale, cade e si fa male a causa di un pericolo prevedibile. Questo fondamentale concetto è stato stabilito dalla Suprema Corte la quale, con la pronuncia 23919/2013, ha sancito che: Non va risarcito il motociclista che ha subìto danni ...
Incidente stradale senza l'uso di cinture di sicurezza e risarcimento
Sono una ragazza di 24 anni e due mesi fa sono rimasta coinvolta in un incidente stradale abbastanza grave. Uno di quei maledetti SUV, che ormai si vedono sempre più spesso nelle strade italiane, venendo dalla corsia opposta alla mia, ha sbandato ed è entrato in collisione con la mia ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca