Verbale di multa irrogata dall'Azienda di Trasporti Milanese (ATM) - Ma non riconosco la firma sul verbale

Qualche settimana fa mi arriva a casa un'ordinanza di Ingiunzione per biglietto metro non pagato nel 2016: l'importo a tutt'oggi ammonta a 150 euro circa.

La firma del trasgressore non corrisponde alla mia firma autentica e prima del 2019 non mi hanno mai inviato un Avviso di Pagamento: non ricordo di aver ricevuto in quel momento copia di questo Verbale che ho dovuto richiedere ora via e-mail.

Quando fanno questo tipo di contravvenzione dicono sempre che invieranno a casa avviso di pagamento della sanzione, ma dopo 4 anni è centuplicata.

Io contesto lo scarabocchio che non è la mia firma e il mancato preavviso prima di questa Ordinanza.

Andiamo per ordine: la sanzione amministrativa (impropriamente indicata in gergo non tecnico come multa) per omesso pagamento del titolo di viaggio in bus o metro cittadino deve essere notificata a pena di nullità, direttamente al trasgressore.

Decorsi 60 giorni, dalla data di notifica diretta del verbale di accertamento, in caso di mancato pagamento della sanzione amministrativa, decorrono i cinque anni in cui l'ordinanza ingiunzione deve essere notificata, a pena di prescrizione del diritto di esigere il pagamento, entro cinque anni (articolo 28 legge 689/81).

Il mancato pagamento dell'importo originario indicato nel verbale nel termine di 60 giorni (pari al minimo, cosiddetto edittale, previsto per l'infrazione contestata), comporta l'applicazione della metà del massimo (edittale) previsto per l'infrazione contestata (in pratica, l'importo di una sanzione amministrativa, per ciascuna violazione accertata, varia da un minimo ad un massimo). Poichè in genere la metà del massimo (edittale) è pari al doppio del minimo (edittale), in pratica la sanzione amministrativa raddoppia.

Inoltre, per ogni semestre, dalla data di notifica del verbale fino alla data di emissione dell'ordinanza di ingiunzione, viene applicata una maggiorazione del 10% all'importo della sanzione corrispondente alla metà del massimo edittale (articolo 27 della legge 689/1981).

Se la contestazione è immediata ed il verbale consegnato a mano, non è necessario notificarlo anche presso la residenza del trasgressore; inoltre, non è prevista, dalla normativa vigente, la notifica di un ulteriore avviso prima dell'ordinanza di ingiunzione.

Data per scontata la sua buona fede e assunte per veritiere le sue affermazioni, proviamo a ipotizzare un possibile scenario per tentare di spiegare ciò che probabilmente è accaduto.

Il trasgressore viene pescato in sede di controllo privo di biglietto metro: esibisce copia di un permesso di soggiorno a lei intestato o, addirittura, una copia contraffatta di un suo documento di identificazione. La multa viene comminata ed il trasgressore sottoscrive il verbale con uno scarabocchio che ovviamente non coincide con la sua firma.

Capirà che per annullare la sanzione amministrativa non sarà possibile eccepire la non autenticità della firma: chiunque, firmando il verbale, in caso di contestazione immediata, potrebbe apporre uno scarabocchio come firma per poi disconoscerla.

Il suggerimento è quello di vigilare per evitare altri furti di identità: ciò vale per il futuro, dal momento che il documento di identità la cui sottrazione o copia ha causato il problema, dovrebbe essere ormai scaduto.

29 maggio 2019 · Annapaola Ferri

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

multa
prescrizione multa

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca