Vendita casa ipotecata

Taggato: 

Posseggo insieme alle mie due sorelle un terzo di un immobile, sul quale per mia colpa vi è un’ipoteca per circa 10mila euro.

La sorella maggiore vuole acquistare la totalità della casa.

Una volta effettuato l’atto, andro’ in equitalia a pagare la cartella e l’ipoteca verra’ tolta.

Ho pero’ altre due grosse cartelle dovute a iva e irpef non pagate di quando avevo una disgraziata attivita (2006/2010).

Come agira’ equitalia quando non avra’ piu’ beni a me intestati da aggredire?

E’ vero che puo’ rifiutarsi di levare l’ipoteca, anche se viene pagata la cartella per la quale è stata emessa?

E’ vero che puo’ chiedere la revoca dell’atto di vendita?

Verrebbe coinvolta anche l’altra sorella che ha venduto o solo io?

Ci si puo’ opporre a tale richiesta di revoca dell’atto, e quanto sono lunghe queste procedure?

C’è chi mi dice che con un buon avvocato si puo’ trovare un accordo con l’agenzia delle entrate…..

Non mi preoccupa il numero di risposte inserite nella stessa domanda, ma temo le domande duplicate.

Una domanda molto simile alla sua è stata già formulata oggi, ed ha ricevuto risposta. Al posto di fratello e zia comproprietari, adesso ci sono due sorelle. Dettagli, ma la sostanza è quella.

Può leggere la risposta qui.

Ad integrazione, e vengo alla possibilità da lei ipotizzata che un buon avvocato possa risolvere tutto, le confermo che non si tratta di una diceria. Ribadisco, anzi, che è possibile addirittura ottenere uno sgravio delle cartelle, solo affidandosi ai commercialisti “giusti”.

E’ già successo, come testimonia l’episodio di cronaca vera riportato qui.

2 Dicembre 2011 · Andrea Ricciardi

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?