Vendita beni strumentali e deposito sul conto del ricavato – Posso chiedere di frazionare i pagamenti a chi acquista?


Nel caso in cui vendessi i beni strumentali della mia ditta individuale a 30 mila euro potrei richiedere a chi compra di dividere la cifra in 6 assegni circolari più piccoli? Pensavo di versarli su altrettanti conti correnti o postepay sempre intestati a me che finora sono vuoti.

In questo modo nel caso in cui mi venisse pignorato uno dei conti proprio in concomitanza del versamento il resto sarebbe tutelato. C’è qualche legge che impedisce la divisione dell’importo?

La normativa vigente vieta i pagamenti, con trasferimento di contante o di titoli al portatore in euro o in valuta estera, quando il valore dell’operazione sia pari o superiore a tremila euro. Naturalmente, sono vietati anche i pagamenti tramite operazioni frazionate.

La legge definisce come operazione frazionata un’operazione, unitaria sotto il profilo economico, di valore complessivo pari o superiore ai tremila euro, posta in essere attraverso più operazioni, singolarmente inferiori al predetto limite, effettuate in momenti diversi ed in un circoscritto periodo di tempo (fissato in sette giorni, periodo temporale che può anche andare oltre, se il frazionamento appare evidentemente artificioso).

Nel suo, caso trattandosi di operazione frazionata, ciascuna, però, pari o superiore ai tremila euro, con trasferimenti effettuati tramite assegni circolari non trasferibili, non emergono violazioni di legge: la tracciabilità dell’operazione è garantita sia ai fini antielusivi che di antiriciclaggio.

13 Marzo 2017 · Simonetta Folliero



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Vendita beni strumentali e deposito sul conto del ricavato – Posso chiedere di frazionare i pagamenti a chi acquista?