IVA non pagata da srl fallita - Chi ne risponde?

Ero amministratore unico di una srl fallita con debiti iva per circa 350 mila accumulati negli anni che gestiva il vecchio amministratore. Vorrei sapere se oltre la multe per omesso pagamento IVA chi risponde per l'IVA non pagata la persona fisica oppure la Srl? E se poi se l'omissione dell'IVA deriva dalla vecchia gestione chi risponde l ultimo amministratore per tutti gli anni gestiti dal vecchio o solo per l ultimo anno? Cioè il 30% dell'IVA non pagata chi risponde l'ultimo amministratore o colui che ha gestito per anni la società e che ha omesso il pagamento per anni dell'IVA?

L'assunzione della carica di amministratore comporta una minima verifica della contabilità, dei bilanci e delle ultime dichiarazioni IVA e IRES. Ove ciò non avvenga, è evidente che colui che assume la carica si espone volontariamente a tutte le conseguenze che possono derivare da pregresse inadempienze, qualora pur essendoci disponibilità di cassa, non provvede a sanarle nei limiti del possibile.

Corte di cassazione, sentenza 39437/2014

6 novembre 2018 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

evasione fiscale e contributiva e/o omesso versamento degli importi dovuti

Approfondimenti e integrazioni dal blog

L'amministratore che riscuote i propri crediti di lavoro verso la società fallita integra gli estremi della bancarotta preferenziale e non di quella fraudolenta
L'amministratore che si ripaghi dei suoi crediti verso la società fallita relativi a compensi per il lavoro prestato, prelevando, ovvero comunque ottenendo, dalla cassa sociale una somma congrua rispetto a tale lavoro, risponde di bancarotta fraudolenta patrimoniale per distrazione? Al quesito hanno risposto i giudici della sezione penale della Corte ...
Risponde per omesso versamento di quanto dovuto all'erario l'amministratore entrato in carica poco prima della scadenza del termine di pagamento
L'assunzione della carica di amministratore comporta, per comune esperienza, una minima verifica della contabilità, dei bilanci e delle ultime dichiarazioni dei redditi. Ove ciò non avvenga, è evidente che colui che subentra nelle quote e assume la carica si espone volontariamente a tutte le conseguenze che possono derivare da pregresse ...
L'amministratore del condominio
In un condominio l'amministratore rappresenta il “governo della casa”: giuridicamente, a norma dell'articolo 1703 del codice civile, esegue un mandato, cioè si obbliga a compiere uno o più atti giuridici per conto dei condomini. Nomina e revoca L'articolo 1129 del codice civile prevede la nomina di un amministratore quando i ...
Operazioni inesistenti - Risponde del reato l'amministratore che presenta la dichiarazione e non quello che registra la fattura
Non risponde del reato di utilizzo di fatture per operazioni inesistenti l'amministratore di una società il quale, dopo aver acquisito e registrato una fattura per operazione inesistente, sia cessato dalla carica prima della presentazione della dichiarazione fiscale per la cui redazione la medesima fattura sia stata poi utilizzata dal suo ...
I compiti dell'amministratore del condominio
I seguenti compiti amministrativi spettano all'amministratore: A) Redazione del bilancio preventivo Si tratta di un calcolo approssimativo e prudente delle spese di gestione condominiale occorrenti durante l'anno, che deve essere approvato dall'assemblea insieme con il conto consuntivo; B) Redazione del conto consuntivo e del riparto spese Il conto consuntivo (rendiconto) ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca