Vecchie cartelle esattoriali antecedenti il 2017 – Come aderire a definizione agevolata?


Condono sanatoria rottamazione definizione agevolata delle cartelle esattoriali


A causa di poco tempo, denaro, e pazienza, ho accumulato un mucchio di cartelle esattoriali, tra il 2002 e il 2015, per multe e tasse non pagate, tant’è che mi è stata iscritta iscritta l’ipoteca sulla casa.

Ora le cose stanno girando finalmente per il verso giusto, e vorrei pagare tutto e togliermi questi debiti dalle scatole, dato che per un’eredità ricevuta ne ho le possibilità.

So che è stato fatto dallo Stato una sorta di condono: come posso fare per rientrarvi?

Voglio chiarire che non ho mai aderito a bonifiche precedenti, non avendone la possibilità economica.

Rientrano nell’ambito applicativo della rottamazione i carichi affidati all’Agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2016: fanno eccezione i soli carichi non rottamabili (rientrano tra questi per esempio, le somme dovute a titolo di recupero di aiuti di Stato oppure i crediti derivanti da pronunce di condanna della Corte dei Conti) e quelli già oggetto di istanza di definizione agevolata per i quali non è stato portato a termine il piano di rateazione accordato.

Il pagamento dovrà essere effettuato in un’unica soluzione o in un massimo di 3 rate: l’80% delle somme dovute in due rate di pari ammontare, rispettivamente entro il 31 ottobre ed entro il 30 novembre 2018 e il restante 20%, in un’unica rata, entro il 28 febbraio 2019.

L’Agenzia delle entrate-Riscossione invierà una comunicazione entro il 30 settembre 2018, comunicando l’accoglimento della domanda e un prospetto con importi e date di scadenza dell’unica rata o delle tre rate con cui si è scelto di saldare il conto.

Oppure renderà note le motivazioni del diniego.

Per aderire alla Definizione agevolata è possibile presentare la domanda di adesione compilando, entro il 15 maggio 2018, l’apposito form online.

In alternativa al form online, è possibile presentare la domanda di adesione alla Definizione agevolata 2000/17 entro il 15 maggio 2018 alla casella pec della Direzione Regionale di Agenzia delle entrate-Riscossione di riferimento, inviando il Modello DA 2000/17 e allegando la copia del documento di identità.

La domanda deve essere inviata utilizzando una casella di posta elettronica certificata (pec) presso gli Sportelli di Agenzia delle entrate-Riscossione presenti su tutto il territorio nazionale (esclusa la regione Sicilia) consegnando il Modello DA 2000/17 debitamente compilato e firmato.

14 Dicembre 2017 · Gennaro Andele





Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e/o Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 160 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it




Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!




Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse » Vecchie cartelle esattoriali antecedenti il 2017 – Come aderire a definizione agevolata?. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.