Non riesco ad ottenere la rateizzazione del debito con l'Agenzia delle entrate

Domanda di silvia
26 agosto 2011 at 11:11

ho una situazione molto tragica ma la cosa che mi spaventa di piu è il fatto che per 1500 euro che non riesco ad avere non posso avere la rateizzazione del debito con l'agenzia delle entrate.

Ottenere tale rateizzazione mi consentirebbe di lavorare piu agevolmente e tranquillamente visto che sono un'autonoma e non posso coinvolgere mio marito al quale non ho detto niente per motivi personali, ne avere garanzie da altri.

Il fatto più brutto è che li ho chiesti alla mia banca con la quale lavoro dal 95 la quale ha incassato da me tanti soldi e ora nel mom. del bisogno mi mette in mezzo ad una strada per cosi poco. purtroppo cosi continuando mi sto ritrovando a non far fronte alle rate del mutuo che ho con loro. Come posso fare? Vi prego aiutatemi ne va della mia salute mentale e ho paura delle mie reazioni.

Risposta di diegoconte
26 agosto 2011 at 15:13

potrebbe chiarire meglio?

Risposta di silvia
26 agosto 2011 at 16:26

Faccia lei delle domande cosi potro essere piu concreta e scpecifica:Grazie della sua cortese risposta

Risposta di Simone di Saintjust
26 agosto 2011 at 22:21

Lei ci riferisce dell'impossibilità di ottenere un prestito dalla banca per far fronte, suppongo, alla prima rata del piano di rientro concordato con Equitalia.

Poi però mette in relazione questo problema con il mancato pagamento delle rate del mutuo.

Qual è il nesso logico? "Non risolvo il problema con Equitalia, non lavoro perchè non sono tranquilla, non pago le rate del mutuo?".

Con la seconda rata della dilazione Equitalia, però, se l'interpretazione è corretta, si creerebbe un altro circolo vizioso, senza contare il fatto che bisognerebbe rientrare anche dell'ulteriore debito contratto con la banca.

Del mutuo nulla ci dice. Dell'immobile su cui grava il mutuo nemmeno: è unica proprietaria o lo è insieme a suo marito?

Lei sa che con Equitalia non si scherza. L'ipoteca, se il debito supera i 20 mila euro, incombe. E con essa l'espropriazione della casa. In questo scenario suo marito, a mio parere, non può non essere messo al corrente della situazione.

Risposta di diegoconte
27 agosto 2011 at 09:18

Saintjust ha ragione.

Comunque, tanto per cominciare, però, ci racconti la successione storica dei fatti.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del forum iscriviti al feed RSS delle discussioni del forum

Approfondimenti e integrazioni

Briciole di pane

Altre info