Un genitore a 84 anni ancora attivo e spendaccione – Che fine faranno i suoi debiti dopo il decesso?

Vivo all’estero da molti anni, mio padre 84enne è in ottima salute ha una importante quota di proprietà immobiliare all’interno di un palazzo signorile di cui anche io in futuro ne sarò erede. In questa proprietà ci vive anche mio fratello con la sua famiglia che ha già ricevuto una quota di eredità per il suo appartamento. Vivendo io all’estero, attualmente non ho alcuna quota di proprietà in questo palazzo e né tantomeno ne godo l’uso. Detto questo, mio padre sta facendo lavori di ristrutturazione e abbellimento con una impresa di costruzioni condotta da amici di famiglia, con la quale si e’ indebitato per 100 mila euro con rate mensili di 2 mila euro. Che vengono pagate con bonifico bancario. La mia domanda è la seguente: dovesse morire mio padre prima dell’estinzione del debito, che fine farà questo debito? Dovrò dividerlo ugualmente con mio fratello che attualmente se ne gode l’uso?

Probabilmente sì, dovrà condividere il debito eventualmente lasciato da suo padre con il coerede, dal momento che non esiste un formale atto di donazione dell’appartamento occupato da suo fratello.

Altrimenti, sarebbe stato possibile chiedere la riduzione giudiziale della donazione, aggiungendo alla massa ereditaria anche il cespite donato (attribuendogli il valore alla data dell’apertura della successione), quindi sottraendo il debito acquisito per la ristrutturazione e successivamente procedendo alla ripartizione dell’attivo con i necessari conguagli.

Ma il diritto di abitazione, nemmeno trascritto, non è riconducibile ad una donazione ed in ogni caso sarebbe stato complicato procedere ad una sua valorizzazione.

8 Novembre 2017 · Genny Manfredi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Successione ereditaria - Bonifico di 10 mila euro a favore di un suo nipote effettuato dal de cuius tre anni prima del decesso
Mio padre è deceduto senza lasciare testamento: sul suo conto corrente giacevano circa 45 mila euro che abbiamo diviso io e mio fratello, unici eredi legittimi essendo mia madre, coniuge del defunto, premorta alcuni anni fa. Spulciando gli estratti di conto corrente abbiamo notato un bonifico a favore di un mio cugino di secondo grado di 15 mila euro, risalente a 3 anni fa. Dobbiamo considerarlo un prestito o una donazione? E, nel primo caso, possiamo richiederne la restituzione? ...

Se mio padre non paga i suoi debiti io, figlia, cosa rischio?
Mio padre, ancora in vita, ha sulle spalle un debito di 40 mila euro: lui attualmente lavora e vorrei sapere se si licenzia e non paga più il suo debito io, essendo la figlia, cosa rischio. ...

Mio padre ha lasciato con testamento un immobile a mio fratello ed ai miei due figli - Avrò problemi con i miei creditori?
Tramite testamento olografico mio padre deceduto qualche mese addietro ha disposto che l'immobile di sua proprietà vada diviso tra mio fratello e i miei due figli maggiorenni e attualmente studenti universitari. Tale divisione è stata decisa in quanto ho delle pendenze,circa 40 mila euro con Sicilia Riscossioni relative a contributi INPS non pagati nel contesto di attività di agente di commercio. Questo per evitare che il creditore possa rivalersi sulla quota parte dell'immobile in questione. E' da precisare che l'immobile in questione è dove risiedo con mio fratello. Vorrei sapere: tale soluzione è efficace per evitare qualsiasi aggressione da parte ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Un genitore a 84 anni ancora attivo e spendaccione – Che fine faranno i suoi debiti dopo il decesso?