Tutelarsi: comodato d'uso gratuito di immobile ed elenco dei beni mobili

Per sopravvenute difficoltà lavorative, ho dovuto sospendere mio malgrado, le rate dei miei finanziamenti (22.000 euro circa). Siccome ho un immobile di proprietà, e ancora non ho ricevuto nessun atto o raccomandata dalle finanziarie volevo chiedere questo: potrei fare un comodato d'uso gratuito a terza persona non familiare registrandolo regolarmente all'agenzia delle entrate, e lasciando la mia residenza insieme a questa terza persona?

Nell'atto di comodotato vorrei fare l'elenco dei beni mobili concessi al comodatario, poi siccome in casa ho diversi beni mobili pignorabili per evitare ciò volevo sapere se posso simularne la vendita facendone precisa mensione nell'atto stesso.

Mi spiego meglio: oltre all'elenco dei beni mobili concessi in comodato,posso inserire un elenco di beni mobili che andrei a vendere al comodatario con relative modalità di pagamento (Assegno circolare)? Detti beni venduti al comodatario potrebbero essere uguamente pignorabili?

Cominciamo con l'affrontare la questione della pignorabilità dei beni mobili presenti presso la residenza del debitore.

Quando l'ufficiale giudiziario bussa alla porta, come abbiamo più volte scritto, presume che tutti i beni presenti al momento, siano di proprietà del debitore.

Per evitarne il pignoramento, il debitore può esibire una contratto di comodato stipulato con un terzo, da cui si evinca che questo o quel bene, pignorabile, appartenga ad altri.

La stipula di un contratto di comodato, implica che il comodante è proprietario (o almeno dispone) di tutti i beni presenti nel luogo di residenza del debitore e ne concede, integralmente o in parte, l'uso al comodatario.

Per tutelare i beni immobili il terzo deve vantare diritti reali di proprietà, come l'usufrutto o un diritto personale di abitazione. Ma, attenzione, parliamo di diritto personale derivante da morte del coniuge proprietario (mortis causa) o concesso in conseguenza ad assegnazione della casa coniugale con sentenza di separazione legale fra coniugi. Non altro.

Per quanto attiene i beni mobili venduti, lei deve immaginare l'ufficiale giudiziario che li rinviene in casa e li pignora, lei che si oppone eccependo la proprietà del terzo ed il terzo che per provarne l'effettivo possesso oppone un atto di vendita (fattura, atto notarile) in cui chi aliena è il debitore stesso.

Mi sembra evidente qualche nota stonata. Di triangolazioni, simulazioni e/o elusioni ciascuno nè può, naturalmente, mettere in atto quante ne vuole, assumendosene, in modo consapevole, le eventuali responsabilità e conseguenze civili e penali. Ma almeno, siano congegnate con un pizzico di fantasia in più.

6 maggio 2012 · Giorgio Martini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

beni pignorabili

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Contratto di comodato di un immobile - Non è opponibile all'acquirente
Il contratto di comodato di un bene stipulato dall'alienante in epoca anteriore al rogito non è opponibile all'acquirente del bene stesso. L'acquirente a titolo particolare del bene concesso in precedenza dal venditore in comodato non può, quindi, risentire alcun pregiudizio dall'esistenza di tale comodato e ha, pertanto, il diritto di ...
Il comodato a tempo determinato, a tempo determinabile ed il comodato precario senza determinazione di durata
Il codice civile disciplina due forme del comodato, quello propriamente detto, regolato dagli articoli 1803 e 1809 e il cosiddetto comodato precario, al quale si riferisce l'articolo 1810 del codice civile, rubricato come comodato senza determinazione di durata. Nel caso di comodato precario, connotato dalla mancata pattuizione di un termine ...
Pignoramento dei beni mobili in comodato all'inquilino
Contratto di comodato e debiti dell'affittuario: esiste la possibilità che un ufficiale giudiziario effettui il pignoramento dei beni dell'inquilino, anche se sono di proprietà del padrone di casa? La normativa vigente, avvalorata da giurisprudenza consolidata, ritiene che il creditore possa tranquillamente procedere ad un pignoramento mobiliare anche quando i beni ...
Restituzione del bene concesso in comodato in caso di morte del comodatario
In caso di morte del comodatario, il comodante, pur in presenza di pattuizione di un termine negoziale finale, può esigere dagli eredi l'immediata restituzione del bene concesso in comodato. E' la legge (articolo 1811 del codice civile) ad escludere l'automatico obbligo di restituzione dopo la morte del comodatario, come anche ...
Il comodante può chiedere la restituzione del bene immobile concesso in comodato sulla base di esigenze abitative personali
Se la concessione in uso dell'immobile ha avuto inizio prima del matrimonio del comodatario, non può ritenersi che il comodato sia stato concesso per adibire l'immobile a residenza coniugale. Ne discende che, in mancanza di ogni supporto probatorio anche solo presuntivo a conferma di una tale circostanza, il principio per ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca