Tutelare il proprio (magro) stipendio da banche e Equitalia

Salve, in seguito alla chiusura attività mi sono ritrovato con circa 80mila euro di debiti con una banca che ho citato per anatocismo. La sentenza mi obbliga a restituirne circa 75mila. Credo che da qui a poco riceverò il precetto. Ho inoltre 170mila euro di debiti con Equitalia.

Al momento percepisco circa 1250 euro netti con il mio lavoro da dipendente presso un'azienda. Non ho beni intestati e sono in regime di separazione di beni con mia moglie, la quale è anche unica proprietaria dell'appartamento in cui vivo. Rischio ugualmente un'esecuzione mobiliare in casa di mia moglie anche se non risulto residente lì? Ho letto l'articolo precedente, che ho trovato simile al mio sebbene con importi differenti, per tutelare il mio stipendio dal pignoramento di banca ed equitalia. Premesso che non è possibile parlare di separazione consensuale con mia moglie - che guadagna poco e paga il mutuo), quali altri strumenti di ‘autodifesà (manco a dirlo, legali ovviamente) potrei mettere in campo per evitare che possano aggredirmi? C'è un modo legale per farmi aggredire da qualcun altro prima che lo facciano loro?

I crediti si distinguono, per quanto qui ci interessa, in esattoriali o speciali (Equitalia o altri concessionari locali della riscossione), ordinari (banche, privati o finanziarie) ed alimentari (parenti prossimi in stato di indigenza o ex coniuge).

Per una stessa tipologia sopra individuata, solo un creditore, il primo procedente, può ottenere il prelievo con pignoramento presso terzi. Gli altri devono attendere che si estingua, mese dopo mese, il credito per il quale è stato avviato il pignoramento prima di poter ottenere la propria "libbra di carne".

Adesso, poniamo che lei abbia contratto un grosso debito con un privato e che questi si attivi subito per pignorarle lo stipendio. La banca, per riscuotere, dovrà aspettare. Mentre, sia chiaro, Equitalia potrà ottenere la sua quota contemporaneamente al privato (o alla banca) essendo il suo credito non ordinario, ma speciale o esattoriale.

9 maggio 2014 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento
pignoramento Equitalia o ADER
pignoramento stipendio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Mutuo cointestato separazione e accollo non liberatorio - il coniuge diventato debitore unico non può chiedere modifiche contrattuali
Il caso si riferisce ad una coppia di coniugi cointestatari di mutuo ipotecario laddove, nella sentenza di omologa della separazione consensuale si legge che ... resta a carico del marito l'onere relativo al pagamento della rata del mutuo. Il marito che, in forza dell'accordo di separazione, era divenuto "debitore unico" ...
Mantenimento » Aumenta l'assegno se dopo la separazione ex coniuge obbligato riceve l'eredità
Aumenta il saldo dell'assegno di mantenimento per ex moglie e figli quando, dopo la separazione, l'ex coniuge obbligato riceve un'eredità. Ciò perchè i beni acquisiti, dal coniuge obbligato, per successione ereditaria dopo la separazione legittimano l'aumento dell'assegno di mantenimento a carico della ex moglie e dei figli. I redditi inadeguati ...
Vademecum per non pagare debiti, tasse e cartelle esattoriali
Alcune raccomandazioni per debitori nullatenenti (aspiranti o effettivi) - adottare il regime patrimoniale coniugale di separazione dei beni e farlo annotare sull'atto di matrimonio. Meglio una vera e propria separazione legale (per l'accordo da omologare basta un azzeccagarbugli qualsiasi, a cui offrire, per l'incomodo, cappuccino e cornetto al bar del tribunale); vendere la casa di proprietà prima che Equitalia vi iscriva ipoteca; abitare in affitto con comodato d'uso di arredi, suppellettili ed elettrodomestici. Tutto registrato all'Agenzia delle entrate, con elenco dei beni concessi in comodato puntualmente dettagliato .... ...
Divorzio dal coniuge debitore (anche) per tutelare il patrimonio ereditario in presenza di figli
Talvolta capita che uno solo dei coniugi sia debitore per somme rilevanti, anche se pressoché nullatenente, mentre l'altro coniuge, non debitore, detenga l'intero patrimonio immobiliare (anche la sola prima casa di proprietà), reddito da lavoro, autonomo o dipendente e conto corrente esclusivamente intestato. Magari, i debiti sono stati acquisiti dal ...
Accoglibile l'azione revocatoria della vendita della casa del debitore al proprio coniuge
La prova della partecipazione alla frode del terzo, necessaria ai fini dell'accoglimento dell'azione revocatoria ordinaria nel caso in cui l'atto dispositivo sia oneroso e successivo al sorgere del credito, può essere ricavata anche da presunzioni semplici, ivi compresa la sussistenza di un vincolo parentale tra il debitore ed il terzo, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca