Tutela eredità con donazione in vita lesiva della quota spettante al legittimario debitore – Rischi

Mia sorella ha alcuni debiti tra banche e Agenzia delle Entrate Riscossione (ADER ex Equitalia): mio padre è in possesso di una casa e vorrebbero donarla già da ora a me (loro sono ancora in vita) per evitare che poi venga pignorata la parte di mia sorella. E’ possibile?

Due sono gli articoli del codice civile che rendono la soluzione prospettata non priva di rischi: il 2900 e il 737.

L’articolo 2900 del codice civile stabilisce che il creditore, per assicurare che siano soddisfatte o conservate le sue ragioni, può esercitare i diritti e le azioni che spettano verso i terzi al proprio debitore e che questi trascura di esercitare.

Il 737 dispone che i figli e i loro discendenti ed il coniuge che concorrono alla successione devono conferire ai coeredi tutto ciò che hanno ricevuto dal defunto per donazione, direttamente o indirettamente.

Inoltre, i giudici della Corte di cassazione, con la sentenza 15131/2015, hanno precisato che l’obbligo della collazione sorge automaticamente a seguito dell’apertura della successione e che i beni donati devono essere conferiti indipendentemente da una espressa domanda dei condividenti, essendo sufficiente a tal fine la domanda di divisione e la menzione in essa dell’esistenza di determinati beni, facenti parte dell’asse ereditario da ricostruire, quali oggetto di pregressa donazione.

Insomma il creditore dell’erede debitore, con il minimo sforzo (non dovrà nemmeno esperire, in surroga, azione giudiziale di riduzione delle donazioni effettuate in vita dal defunto per lesione della legittima), potrà entrare in possesso, nel corso della collazione che segue l’apertura della successione, di almeno un terzo dell’immobile (se c’è un coniuge superstite al de cuius).

20 Luglio 2019 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Legittimaria esclusa dall'eredità dopo donazione simulata da vendita fatta in vita dal defunto
Mio padre aveva delle piccole proprietà in immobili: noi siamo due sorelle e poi c'è mia madre, io sono separata e vivo per conto mio, mentre mia sorella non è sposata e vive con loro; papà è venuto a mancare a febbraio 2018 ed ho saputo da terze persone che hanno fatto compravendita a mia sorella (che peraltro è disoccupata), il tutto alle mie spalle. Come è possibile che io sia stata esclusa in questo modo? Posso intervenire e come? ...

I creditori possono impugnare un testamento che lede la quota di legittima del proprio debitore?
Sono purtroppo a rischio pignoramento perché ho perso il lavoro: i miei creditori come fanno a sapere che dal testamento di mio padre non ho ricevuto nulla e di quanto ho ricevuto quando lui era in vita, se nel registro delle successioni compare solo il nome di mia madre e mia sorella indicate nel testamento? Come fanno ad avere tali info per contestare la lesione della mia quota legittima. O meglio come fanno a sapere che mio padre è morto ed ha fatto testamento? ...

Eredità e debiti con Agenzia delle Entrate - Il diritto di abitazione assegnato per testamento all'erede debitore impedisce al creditore di eccepire la lesione della quota di legittima per conto del debitore stesso
Mio fratello ha ingenti debiti con l'Agenzia delle Entrate: alla morte di mio padre riceveremo in eredità la casa di famiglia. Visti i debiti di mio fratello penso che l'Agenzia delle Entrate potrebbe pignorare la sua parte. Come si potrebbe ovviare a ciò? Mio padre potrebbe fare testamento lasciando a me tutto la casa e a mio fratello invece dei terreni che ha per evitare il pignoramento dell'immobile? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Tutela eredità con donazione in vita lesiva della quota spettante al legittimario debitore – Rischi