Come tutelare il patrimonio di un debitore dell'Agenzia delle Entrate da eventuali azioni esecutive per omesso pagamento IRPEF?

Sono in attesa di diverse cartelle per il mancato pagamento dell'irpef negli ultimi 10 anni (cartelle non ancora pervenute). Posseggo un conto deposito cointestato con i due miei figli con circa 60 mila euro ed ho un'abitazione di proprietà che sto per vendere. La mia domanda è: come posso tutelare il mio patrimonio? Quale azione mi consigliate di intraprendere?.

La mia idea era di acquistare un'abitazione di maggior valore (vendita della casa + soldi del conto deposito).

Com'è noto, la prima e unica casa, non di lusso, di proprietà del debitore esecutato, ivi residente, non può essere espropriata per debiti contratti con con la Pubblica Amministrazione.

Tuttavia, l'Agenzia delle entrate-riscossione potrà iscrivere ipoteca sull'appartamento se il credito iscritto a ruolo è pari o superiore ai 20 mila euro: il che vuol dire che il bene vincolato non potrà essere alienato se non previo pagamento del debito; ma soprattutto significa che gli eventuali eredi, qualora accettassero l'eredità, potranno essere escussi anche attraverso l'espropriazione dell'immobile ereditato, a meno che uno almeno di essi non risieda nell'appartamento e non ne abbia altri di proprietà.

Anche il conto corrente cointestato può essere pignorato al debitore: i cointestatari non debitori hanno la possibilità di ricorrere, successivamente, al giudice dell'esecuzione per rivendicare la propria quota parte delle somme espropriate in conto corrente: tuttavia il creditore può anche dimostrare che le disponibilità rinvenute sul conto siano riconducibili esclusivamente al debitore, lasciando gli altri cointestatari a bocca asciutta (il che accade, per fare un esempio, quando gli altri cointestatari non percepiscono redditi propri denunciati annualmente tramite l'apposita dichiarazione fiscale).

Insomma, per farla breve è realisticamente molto complicato, oggi, tutelare il patrimonio del debitore quando questi è titolare di cespiti aggredibili in sede di azione esecutiva: un debitore che voglia dormire sonni tranquilli, in attesa della notifica delle cartelle esattoriali, non deve possedere immobili, né essere titolare di un conto corrente con giacenze superiori a quelle necessarie per l'ordinaria amministrazione delle esigenze di vita.

28 luglio 2017 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

conto corrente e libretto di deposito
ipoteca volontaria

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Divorzio dal coniuge debitore (anche) per tutelare il patrimonio ereditario in presenza di figli
Talvolta capita che uno solo dei coniugi sia debitore per somme rilevanti, anche se pressoché nullatenente, mentre l'altro coniuge, non debitore, detenga l'intero patrimonio immobiliare (anche la sola prima casa di proprietà), reddito da lavoro, autonomo o dipendente e conto corrente esclusivamente intestato. Magari, i debiti sono stati acquisiti dal ...
Pignoramento del conto corrente cointestato - Cosa può fare il cointestatario non debitore per tutelare i propri diritti
In un conto corrente cointestato si produce la piena confusione del patrimonio dei cointestatari, senza possibilità di distinguere, da parte della banca, il patrimonio personale di ciascuno di essi, neppure per quote ideali. In presenza di un provvedimento dell'Autorità Giudiziaria, come il pignoramento del conto corrente, in seguito ad azione ...
La sospensione delle azioni esecutive nei confronti del debitore vittima di usura
La sospensione dell'esecuzione forzata, accordata dalla legge alle vittime di usura, si applica anche alle vendite disposte nell'ambito delle procedure fallimentari, in particolare quando il fallito abbia richiesto la concessione di un mutuo senza interessi quale vittima del reato di usura. In pratica, viene attribuito al giudice il potere di ...
Il creditore può avviare contemporaneamente più azioni esecutive nei confronti del debitore
Il creditore può valersi cumulativamente dei diversi mezzi di espropriazione forzata previsti dalla legge, ma, su opposizione del debitore, il giudice dell'esecuzione, con ordinanza non impugnabile, può limitare l'espropriazione al mezzo che il creditore sceglie o, in mancanza, a quello che il giudice stesso determina (articolo 483 del codice di ...
Eredità di un immobile - Se il defunto lascia al debitore il diritto di abitazione il creditore non può esperire azione revocatoria della rinuncia alla riduzione della quota di legittima
Supponiamo che il debitore accetti il diritto di abitazione, a lui destinato nel testamento, e rinunci a promuovere nei confronti dei coeredi testamentari dello stesso immobile caduto in successione, ogni azione di riduzione per lesione della quota di legittima. In questo modo, il debitore preclude al creditore la possibilità di ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca