Tutela animali di compagnia (cani gatti ecc) – In arrivo una legge che dispone pene severe a chi opera maltrattamenti

Argomenti correlati:

Abitando in campagna, purtroppo, ho dovuto assistere a molti episodi di abbandono e maltrattamento degli animali di compagnia, messi a punto impunemente da abitanti della mia zona.

E’ possibile che nel 2020 non si faccia una legge chiara per tutelare gli animali da compagnia da abusi e maltrattamenti e soprattutto punire i colpevoli severamente?

Il Disegno di Legge 1078 comunicato alla Presidenza il 19 febbraio 2019 è modulato al fine di introdurre norme più stringenti in relazione ad una tutela degli animali, attualmente già prevista e disciplinata, considerata allo stato poco applicata.

Il disegno di legge mira ad inasprire le pene previste in caso di maltrattamento di animali, nonché istituisce nuove fattispecie di reato e delitti, anche colposi, in tale materia.

In particolare viene eliminato il riferimento al “sentimento per gli animali”.

Il Disegno di Legge ha l’intento di riconoscere l’animale come soggetto e, inteso giuridicamente come tale, meritevole di tutela penale direttamente, senza che vi sia un collegamento diretto con il “sentimento” umano.

Inoltre, la nuova fattispecie di reato prevista, in particolare, punisce con la reclusione da sei mesi a quattro anni e con la multa da 5.000 a 25.000 euro chiunque, senza autorizzazione, abbandoni esche e bocconi avvelenati o contenenti sostanze nocive o tossiche, compresi vetri, plastiche e metalli o materiale esplodente, che possono causare intossicazioni o lesioni o la morte degli esseri umani o animali che li ingeriscono.

La stessa pena si applica anche nei confronti di colui che abbandona un alimento preparato in maniera da poter causare intossicazioni o lesioni o la morte dell’essere umano o animale che lo ingerisce.

Inoltre viene specificato che, se a seguito dell’ingestione dell’esca l’animale muore si prevede la reclusione da uno a cinque anni e multa da 5.000 a 50.000 euro.

Viene, inoltre, modificata la disciplina della confisca, prevedendone la sua obbligatorietà anche in caso di condanna per il delitto di uccisione o distruzione di specie protette.

Il Disegno di Legge interviene anche sulla fattispecie che vieta i combattimenti tra animali, inserendo tra le condotte illecite anche la realizzazione e il finanziamento delle competizioni vietate.

E’ previsto, per i delitti contro gli animali, anche l’arresto facoltativo in flagranza di reato

E’ prevista, inoltre, l’istituzione, nella banca dati delle Forze di polizia, di una specifica sezione relativa ai reati sugli ani­mali.

Ulteriori novità sono previste anche in relazione all’abbandono di animali, con inasprimento delle pene.

17 Ottobre 2019 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Finalmente anche gli animali da compagnia del debitore e quelli impiegati a fini terapeutici diventano beni impignorabili
Con il collegato ambientale alla legge di stabilità per il 2016, recante disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali, gli animali di affezione sono divenuti beni impignorabili essendo stati inseriti nell'elenco dei beni mobili assolutamente impignorabili. In dettaglio, l'articolo 514 del codice di procedura civile è stato integrato con i commi 6 bis e 6 ter. Il comma 6 bis include fra i beni impignorabili gli animali di affezione o da compagnia tenuti presso la casa del debitore o negli altri luoghi a lui appartenenti, senza fini produttivi, ...

Quando l'abuso dei mezzi di disciplina e correzione nei riguardi del figlio minore sfocia nel reato di maltrattamenti in famiglia
Il minore è ormai considerato un soggetto titolare di specifici diritti e non più, come in passato, semplice oggetto di protezione: anche la dignità del minore è tutelata dall'ordinamento. Pertanto, non può ritenersi mezzo di correzione o disciplina l'uso abituale della violenza a scopi educativi, anche perché non può perseguirsi lo sviluppo armonico della personalità del minore usando un mezzo violento che tale fine contraddice. Consegue che l'eccesso di mezzi di correzione violenti concretizza il reato di maltrattamenti in famiglia e non rientra nella fattispecie prevista dal Codice penale (artcolo 571) che riguarda il semplice abuso dei mezzi di correzione ...

Risarcimento dopo sinistro » Non è cumulabile l'indennizzo ricevuto dalla compagnia assicurativa privata con la liquidazione dei danni ottenuta con la tutela rc auto
Nell'ambito di un sinistro stradale, per quanto riguarda la liquidazione per lesioni, in caso si fosse stipulata un'assicurazione contro gli infortuni, non è possibile cumulare l'indennizzo ricevuto dalla compagnia assicurativa con il risarcimento danni nell'ambito della copertura rc auto. In caso di incidente, il danneggiato non può chiedere i danni sia alla compagnia assicurativa privata, che lo copre in caso di infortuni non mortali, che al responsabile del sinistro stradale coperto da tutela rc auto. Il pagamento dell'uno, infatti, esclude quello dell'altro, o, al contrario, in caso di pagamento parziale dell'uno, si può chiedere all'altro solo la differenza residua. Ciò ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Tutela animali di compagnia (cani gatti ecc) – In arrivo una legge che dispone pene severe a chi opera maltrattamenti