Truffe online e pagamenti tramite Western Union - Come ottenere risarcimento?

Nel 2015, anche per mia colpa, sono incappata in una delle classiche truffe online che circolano per il web.

Con la promessa di un'eredità da ricevere dagli Stati Uniti, inviai più di 2000 euro ad un sedicente avvocato, con la promessa dello sblocco della pratica.

Fui ingenua, lo so, ma quei soldi erano un sogno, soprattutto per la mia pessima situazione economica.

Inviai i soldi al truffatore tramite il servizio Western Union Money Transfer.

Accortami della truffa, qualche giorno dopo, chiesi l'annullamento del pagamento.

Ma i soldi, con estrema facilità, erano stati incassati e non potetti fare nulla.

A lavoro un collega mi ha detto che la società di pagamenti ha stanziato una specie di fondo per le frodi eseguite tramite la loro compagnia.

E' vero? Come posso chiedere un risarcimento?

Le truffe finanziarie, purtroppo, sono una triste costante delle cronache moderne: per fortuna però sono sempre più intense le iniziative di contrasto verso queste azioni, unitamente alle proposte di sostegno verso le vittime.

Nell'ambito del suo caso, comunque, non si vergogni, non è sola.

Per anni, infatti, società e singoli truffatori hanno utilizzato il più noto servizio di money transfer al mondo (western union) per farsi spedire soldi da perfetti sconosciuti, fingendosi parenti in difficoltà o appassionati amanti desiderosi di raggiungere l'Italia, o avvocati e altro ancora.

Adesso, finalmente, si apre la possibilità di riavere quei soldi.

Western Union, infatti, ha stanziato la cifra di 586 milioni di dollari per offrire un risarcimento ai soggetti truffati tramite la propria attività.

La decisione deriva da inchieste, anche della Us Federal Trade Commission (l'Autorità Garante dei consumatori), portate avanti negli Stati Uniti a seguito delle quali la compagnia ha ammesso di aver violato la normativa sui servizi di pagamento, agevolando quindi le condotte illegali.

E' possibile ottenere un risarcimento per le truffe avvenute dal 1 gennaio 2004 al 19 gennaio 2017.

La data ultima per presentare domanda è il 12 febbraio 2018, pertanto occorre attivarsi immediatamente.

Per chiedere il risarcimento bisogna compilare un form online, presente a questo sito.

Occorre anche allegare i documenti richiesti, che provino l'effettiva transazione.

7 febbraio 2018 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

risarcimento danni
tutela consumatore - truffe

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Truffe online: qualche consiglio su come tutelarsi » Un breve ed utile vademecum per i web shoppers
A chi non è mai capitato di incappare in una truffa online: dal phishing ai prodotti mai consegnati, ecco un'utile guida che spiega come difendersi. Molte luci, relative soprattutto all'aumento sensibile del fatturato complessivo e di quello generato da dispositivi mobili, ma ancora qualche ombra, costituita da una porzione di ...
Multe pagate tramite bonifico bancario » Fate attenzione alla data di valuta per usufruire dello sconto del 30%
Multe pagate tramite home banking? Attenzione alla data di valuta nel bonifico. Chi paga la multa stradale con strumenti elettronici deve fare attenzione alla data della valuta perché diversamente rischia di non essere ammesso, ad esempio, al beneficio dello sconto del 30%. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte dei ...
Costi extra per acquisti online tramite carta di credito » Arriva l'alt dell'Autorità garante della concorrenza e del mercato
No ai costi extra quando si effettuano acquisti sul web tramite carte di credito: con un recente provvedimento, infatti, è arrivato lo stop, per questa pratica, da parte dell'Agcm (autorità garante della concorrenza e del mercato). Stop ai costi «extra» per gli acquisti online se si usa la carta di ...
Farmacie online certificate: siamo al via » Per combattere le truffe in rete si adottano controlli più severi
Arrivano le farmacie certificate online: a partire dal prossimo luglio 2015, infatti, anche nel BelPaese sarà consentita la vendita di medicinali in rete, con regole molto rigide. I siti autorizzati saranno identificabili. Come accennato nell'incipit, a partire da luglio chi deciderà di comprare un farmaco online potrà farlo con qualche importante ...
Matrimonio sfumato » E se la casa acquistata dal futuro marito è già stata intestata alla promessa sposa?
La promessa sposa che fa saltare il matrimonio ha diritto a tenere per sè l'abitazione intestatale in precedenza dal futuro marito » Sentenza Tribunale Taranto Acquistare una casa ed intestarla alla convivente, con cui si è scambiata una promessa solenne di matrimonio, può costare caro: in caso di annullamento del ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca