Concessione di un prestito con una rata pari al reddito mensile complessivo del richiedente - Può configurarsi il reato di truffa?

La questione é abbastanza complicata e lunga: a settembre mio padre é stato colpito da ictus, mentre cercavamo documenti preoccupate delle scadenze dei pagamenti abbiamo scoperto una "vita parallela" di balle, debiti e grossi guai finanziari abilmente nascosti per anni. Vagando tra banche abbiamo ricostruito una buona parte della storia e tra le altre cose un finanziamento del 2012 in una banca locale fatto a nome di mia madre.

Premetto che ai tempi mio padre e il direttore della banca facevano "affari" insieme, un mattino andando in banca il direttore era sparito e nel suo ufficio alcune persone facevano quella che sembrava una perquisizione, armadi e cassetti aperti faldoni ovunque.

Il nuovo direttore ci ha gentilmente procurato gli estratti conto da dove abbiamo visto una rata di 1100 euro per un finanziamento che ovviamente non è stato rimborsato. Abbiamo chiesto la copia del contratto ma non ci é stata tutt'ora fornita. La cosa strana é che mia madre prende 1100 euro di stipendio con sopra il pignoramento sempre grazie a mio padre. Vi sembra normale che la banca abbia erogato un prestito con una rata superiore allo stipendio? Mia madre non ha niente oltre il suo stipendio, vivevano in affitto e lui dichiarava una miseria. Lunedì ha telefonato l'avvocato della banca al quale ho spiegato la situazione, si è offerto di mandare la copia del contratto ma non ho ricevuto niente. Secondo voi devo richiederla tramite un legale?

La concessione di un prestito con una rata pari al reddito mensile complessivo del richiedente è certamente una circostanza anomala: il debitore avrebbe potuto sicuramente sollevare l'ipotesi di un reato, quale la truffa, perpetrato a suo danno, con ottime probabilità di ottenere l'annullamento dell'obbligazione.

Tuttavia, la questione avrebbe dovuto essere portata in giudizio dopo il pagamento della prima rata, o, quantomeno, nel momento in cui è stato notificato a sua madre l'atto di pignoramento presso il datore di lavoro.

E, in ogni caso, sarebbe stato pressoché inevitabile il coinvolgimento, in un giudizio penale, non solo dell'ex direttore di filiale, ma anche di suo padre.

Non credo valga la pena, al momento, spendere soldi in parcelle professionali solo per sollecitare l'invio degli estratti di conto corrente alla banca creditrice.

6 aprile 2017 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

contratti di prestito
tutela e consigli al debitore

Approfondimenti e integrazioni dal blog

REI - reddito di inclusione » Un assegno mensile fino a 485 euro per le famiglie con reddito complessivo ISEE non superiore ai seimila euro
Il Reddito d'inclusione (ReI), è uno strumento di contrasto alla povertà che sostituisce sia il Sostegno all'Inclusione Attiva (SIA) che l'Asdi (Assegno Sociale di DIsoccupazione) e gli aventi diritto potranno beneficiarne a partire dal primo gennaio 2018. La misura consiste in un assegno mensile di importo variabile dai 190 fino ...
Eredità - Quando il chiamato debitore muore prima di accettare o rinunciare
Famiglia con madre padre e due fratelli: muore prima la madre e i figli diventano eredi, senza aver fatto la successione in quanto nel loro caso non necessaria, in quanto sono presenti poche migliaia di euro presenti su un conto in comune con la madre e basta, niente case ne ...
Contratti di prestito - Il prestito delega
Il prestito delega (o delegazione di pagamento), è una forma di prestito personale di cui possono usufruire i lavoratori dipendenti. Tale forma di prestito è regolata dalla legge 180 del 05.01.1950 e dal DPR 895 del 28.07.1950 e successive modifiche. Per capire di cosa si tratta possiamo partire dalla cessione ...
Danno da rifiuto di un finanziamento - Se la banca induce inizialmente il cliente a confidare nella sua concessione
Il danno da rifiuto di un finanziamento reso dalla banca dopo aver indotto il richiedente a confidare nella sua concessione può essere commisurato in un importo se non pari, almeno commisurato percentualmente all'ammontare del prestito atteso e non erogato? A parere dell'Arbitro Bancario Finanziario, così come emerge dalla decisione 1529/13, ...
Contratti di prestito – credito su pegno e cessione del quinto
Nell'articolo affronteremo l'analisi di due caratteristici contratti di prestito: il credito su pegno e la cessione del quinto dello stipendio o della pensione, entrambi appartenenti alla categoria dei contratti di credito al consumo non rivolti all'acquisto di specifici beni o servizi. La cessione del quinto è una forma di credito ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca