Omesso pagamento del corrispettivo per una prestazione resa

Argomenti correlati:

Vorrei avere un parere su quanto accaduto: dopo aver svolto una serie di servizi di trasferimento per una ditta, regolarmente pagati, ricevevo dalla stessa incarichi per una grossa somma che non venivano più saldati.

Il fatto è che mi era stato confermato per iscritto l’avvenuto bonifico il giorno prima dei trasferimenti, in modo che li eseguissi penso, poi mi rassicuravano anche con telefonate e messaggi ma il bonifico in realtà non è mai stato fatto.

Nella vicenda esposta non sembra esserci alcun contratto sottoscritto dalle parti, né il mandato (scritto) del committente per svolgere gli incarichi di cui viene lamentato l’omesso pagamento.

La conferma (scritta) del bonifico, mai effettivamente andato a buon fine, può costituire un valido indizio per far emergere il rapporto sottostante intercorso fra le parti e l’importo pattuito per la prestazione: ma, prima di poter procedere con un ricorso per decreto ingiuntivo, bisognerà far accertare preliminarmente dal giudice la sussistenza di tale rapporto.

Occorre il preventivo di un avvocato per l’assistenza nel contenzioso onde poter consapevolmente valutare se l’impresa vale la spesa.

23 Ottobre 2018 · Chiara Nicolai

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Ricorso pagato ma senza prestazione resa
Un avvocato scorretto si è approfittato della ingenuità di mio padre che ha dato in contanti 550 euro: lui (è figlio di un amico defunto) ora nega, ha fatto solo un ricorso per una multa prescritta. Ha vinto la causa. Ma doveva fare ricorso anche per 3 cartelle tributarie prescritte, cosa che non ha fatto. Quando si vince una causa vengono ridati i soldi delle spese più i soldi spesi per l'avvocato? Nemmeno quelli ci ha dato. Si può fare qualcosa? ...

Pervenuta richiesta di parcella per prestazione di assistenza legale resa circa venti anni fa
Due anni fa pubblicai un quesito, in risposta al quale mi fu consigliato di lasciar perdere, visto il tempo trascorso (vent'anni) tra la prestazione erogata dal professionista e la richiesta di parcella che io comunque al tempo saldai in toto. Qualche giorno fa ci sono però stati degli sviluppi. In una raccomandata datata 2 ottobre 2018, l'avvocato in questione mi scrive: Faccio seguito alla mia precedente e non avendo lei accettato la mia proposta di un pagamento forfettario ed a stralcio di cui alla mia del 31/5/16 le rimetto in allegato la notula, in base alla tariffa, con invito a ...

Prestazione di lavoro in favore del convivente more uxorio - Può essere considerata resa a titolo gratuito solo se effettuata nell'ambito di una famiglia di fatto
Ogni attività oggettivamente configurabile come prestazione di lavoro subordinato si presume effettuata a titolo oneroso, essa può tuttavia essere ricondotta ad un rapporto diverso caratterizzato dalla gratuità della prestazione, ove risulti dimostrata la sussistenza della finalità di solidarietà in luogo di quella lucrativa. E ciò perché l'attività lavorativa e di assistenza svolta all'interno di un contesto familiare in favore del convivente more uxorio trova di regola la sua causa nei vincoli di fatto di solidarietà ed affettività esistenti, alternativi rispetto ai vincoli tipici di un rapporto a prestazioni corrispettive, qual è il rapporto di lavoro subordinato: non potendosi escludere che ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Omesso pagamento del corrispettivo per una prestazione resa