Quali i rischi si corrono nel trasferire liquidità da un conto corrente ad un altro in odore di pignoramento?

Ho un conto corrente in Italia, a rischio pignoramento da parte di Agenzia delle Entrate-Riscossione (ADER), ed un conto corrente all'estero: dovrei effettuare un bonifico dall'estero sul conto corrente italiano (il conto corrente di destinazione deve essere necessariamente a mio nome) per poi riversare subito, altrove, i soldi rimpatriati.

Da quanto ho letto, può capitare che la banca italiana congeli il saldo di conto corrente prima che io ne sia messa a conoscenza. Inoltre, mi sembra di aver capito che dopo il pignoramento i soldi del bonifico verso il conto corrente italiano, in caso di avvenuto pignoramento di quest'ultimo, resterebbero comunque nella mia disponibilità.

Poteri allora effettuare il trasferimento dei soldi dal conto estero a quello italiano, per poi inoltrarli in un altro conto corrente non intestato a me, senza alcun rischio. Giusto?

Effettivamente, se l'ufficiale giudiziario passa, per la notifica, prima in banca, quando il debitore esecutato riceve l'atto di pignoramento, il pignoramento del saldo di conto corrente potrebbe essere già operativo.

E' anche vero che se il saldo di conto corrente è già stato pignorato quando arriva l'accredito dall'estero, il bonifico resta nella disponibilità del correntista

Tuttavia, esiste la possibilità, per quanto remota e poco probabile (ma non a probabilità nulla), che l'accredito all'estero vada a buon fine nello spazio temporale intercorrente dal momento in cui l'atto di pignoramento viene notificato alla banca e quello in cui l'impiegato addetto congela il saldo di conto.

Insomma, se l'ordine di trasferimento di denaro dalla banca estera viene eseguito poco dopo che la banca italiana ha ricevuto l'atto di pignoramento presso terzi e poco prima che i tecnici della banca italiana rendano indisponibile il saldo al correntista, i soldi trasferiti dall'estero restano pignorati.

Se lei stessa può gestire i tempi del bonifico dall'estero, la via più sicura è quella di aprire un altro conto corrente in Italia, non ancora noto al concessionario della riscossione e all'Agenzia delle Entrate, ed effettuare i due trasferimenti appena il nuovo conto è operativo.

Infatti, il nuovo conto corrente non verrebbe registrato immediatamente in Anagrafe Tributaria (i flussi vengono trasmessi dalle banche all'ADE con cadenza mensile) e, nel tempo necessario per portare a termine le due operazioni di trasferimento, anche se il Concessionario della riscossione effettuasse nuove visure, l'informazione relativa all'esistenza del nuovo conto corrente non potrebbe essere utilmente utilizzata per avviare un'azione esecutiva mirata.

2 agosto 2017 · Ludmilla Karadzic

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Norme sul trasferimento (portabilità) dei servizi di pagamento connessi ad un rapporto di conto corrente
Per trasferimento dei servizi di pagamento connessi ad un rapporto di conto corrente si intende il trasferimento, su richiesta del consumatore, dell'eventuale saldo positivo e/o delle informazioni relative a ordini permanenti di bonifico, addebiti diretti e bonifici in entrata ricorrenti da un conto corrente di origine intrattenuto presso un istituto ...
Il creditore non può pignorare i versamenti del debitore finalizzati a ridurre lo scoperto in conto corrente
In tema di pignoramento del conto corrente, il creditore può direttamente pignorare somme che siano nella diretta disponibilità del proprio debitore, ma non può pignorare i singoli versamenti effettuati dal debitore prima e dopo il pignoramento e finalizzati a ridurre lo scoperto di conto corrente. In pratica se il conto ...
Annullato dal Tribunale il pignoramento del conto corrente invece del quinto della pensione
Accade a Pesaro dove un pensionato ha subito il pignoramento da Equitalia dell'intero conto corrente, invece della sola quota mensile prevista dalla legge. Con i conseguenti prevedibili disagi: nessuna risorsa per mangiare e pagare le bollette. I debiti del pensionato erano riconducibili a versamenti contributivi non effettuati all'INPS nel corso ...
Conto corrente su cui è disposto pignoramento presso terzi » L'imposta di bollo alla banca è comunque dovuta
Conto corrente sottoposto a pignoramento presso terzi: l'istituto di credito è legittimato a trattenere l'imposta di bollo per dei soldi che, ormai, non sono più nella disponibilità del titolare? Chiariamo subito la questione: il presupposto dell'imposta di bollo sui conti correnti bancari non risiede nel fatto che il correntista abbia ...
Compensazione legale fra credito rinveniente da una fideiussione prestata dal cliente con il saldo disponibile del conto corrente intestato allo stesso cliente
È illegittima l'operazione di compensazione del credito rinveniente da una fideiussione rilasciata dal cliente a favore di un terzo con il saldo disponibile del conto corrente intestato al cliente stesso. In assenza di una pattuizione in tal senso o di un ordine di quest’ultimo, la compensazione equivale a un'indebita appropriazione ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca