Quali i rischi si corrono nel trasferire liquidità da un conto corrente ad un altro in odore di pignoramento?

Ho un conto corrente in Italia, a rischio pignoramento da parte di Agenzia delle Entrate-Riscossione (ADER), ed un conto corrente all’estero: dovrei effettuare un bonifico dall’estero sul conto corrente italiano (il conto corrente di destinazione deve essere necessariamente a mio nome) per poi riversare subito, altrove, i soldi rimpatriati.

Da quanto ho letto, può capitare che la banca italiana congeli il saldo di conto corrente prima che io ne sia messa a conoscenza. Inoltre, mi sembra di aver capito che dopo il pignoramento i soldi del bonifico verso il conto corrente italiano, in caso di avvenuto pignoramento di quest’ultimo, resterebbero comunque nella mia disponibilità.

Poteri allora effettuare il trasferimento dei soldi dal conto estero a quello italiano, per poi inoltrarli in un altro conto corrente non intestato a me, senza alcun rischio. Giusto?

Effettivamente, se l’ufficiale giudiziario passa, per la notifica, prima in banca, quando il debitore esecutato riceve l’atto di pignoramento, il pignoramento del saldo di conto corrente potrebbe essere già operativo.

E’ anche vero che se il saldo di conto corrente è già stato pignorato quando arriva l’accredito dall’estero, il bonifico resta nella disponibilità del correntista

Tuttavia, esiste la possibilità, per quanto remota e poco probabile (ma non a probabilità nulla), che l’accredito all’estero vada a buon fine nello spazio temporale intercorrente dal momento in cui l’atto di pignoramento viene notificato alla banca e quello in cui l’impiegato addetto congela il saldo di conto.

Insomma, se l’ordine di trasferimento di denaro dalla banca estera viene eseguito poco dopo che la banca italiana ha ricevuto l’atto di pignoramento presso terzi e poco prima che i tecnici della banca italiana rendano indisponibile il saldo al correntista, i soldi trasferiti dall’estero restano pignorati.

Se lei stessa può gestire i tempi del bonifico dall’estero, la via più sicura è quella di aprire un altro conto corrente in Italia, non ancora noto al concessionario della riscossione e all’Agenzia delle Entrate, ed effettuare i due trasferimenti appena il nuovo conto è operativo.

Infatti, il nuovo conto corrente non verrebbe registrato immediatamente in Anagrafe Tributaria (i flussi vengono trasmessi dalle banche all’ADE con cadenza mensile) e, nel tempo necessario per portare a termine le due operazioni di trasferimento, anche se il Concessionario della riscossione effettuasse nuove visure, l’informazione relativa all’esistenza del nuovo conto corrente non potrebbe essere utilmente utilizzata per avviare un’azione esecutiva mirata.

2 Agosto 2017 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Conto corrente in rosso dove non posso far accreditare lo stipendio e un altro in odore di pignoramento - Come farò a riscuotere la busta paga?
Ho letto che le banche possono rifiutare l'apertura di un conto corrente se il richiedente è segnalato in crif per avere sconfinato oltre il fido concesso. Premetto che a me è successo, in quanto verso in una situazione economica molto difficile, e a tutt'oggi non riesco più a coprire il fido bancario di 2.500 euro, e inoltre sono sotto di altri 100 euro, che altro non sono che interessi che la banca continua ad addebitare perché rifiuta di chiudere il conto. Ora chiedo, siccome temo un blocco di un altro conto corrente online per un debito consistente che non sono ...

Probabile pignoramento del conto corrente dopo decreto ingiuntivo e precetto - Per svuotare il conto in odore di prelievo coattivo del saldo meglio aspettare la notifica del pignoramento o procedere subito?
Mi riferisco a questo topic: se ho ben capito, decreto ingiuntivo 30 giorni per eventuale opposizione, più ulteriori 10 giorni per opposizione al precetto significa che possono passare circa 40 giorni almeno affinchè il creditore possa procedere con il blocco del conto o il pignoramento dello stipendio. Per capire meglio (scusate se insisto ma è molto importante) se io domani 9 marzo ricevo un decreto ingiuntivo, il 10 marzo non sarà mai possibile che possa già essere bloccato il conto? Cordiali saluti, e scusate ancora se risulto un pò insistente. Grazie ...

Versamento in contanti di grossa somma - Come procedere e quali rischi si corrono?
In riferimento a questa discussione e pure a quest'altra che l'aveva preceduta, volevo aggiungere che dalla vendita del fabbricato rimarranno circa 70 mila euro: vorrei toglierli in blocco dal conto corrente per evitare possibili futuri pignoramenti, e darli ad una persona fidata, in contanti, dal momento che ogni transazione tracciabile, come bonifico, donazione o simili sarebbe soggetta ad azione revocatoria. La domanda è se per questa persona sia possibile aprire dal nulla un cc versando 70.000 euro in contanti. La risposta probabile è no, che dovrebbe giustificarne la provenienza. Dunque come fare? Se si facesse una scrittura privata tra me ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Quali i rischi si corrono nel trasferire liquidità da un conto corrente ad un altro in odore di pignoramento?