Troppe rate oramai

Spiego la situazione:

– 1100 mensili gravati da cessione V e delega per un totale di 320€;
– prestito bnl 146,60;
– cassa mutua di 199,00;
– sezione carte; finconsumo 100€, agos 63€ e visa diciamo a scalare partendo da oggi 146,00;

Inoltre sono in affitto. Bene!!

Domanda: cosa faccio e cosa mi possono fare?

Problemi se ho prelievi rid sul c/c? sarebbe opportuno revocarli?

Nell’ipotesi che il suo unico bene sia un impiego di lavoro dipendente a tempo indeterminato, lei potrebbe vincere un pignoramento del quinto dello stipendio pari al 20%.

Mi sembra, nella sua situazione, una bella botta di vita.

Il prestito delega, per prassi giuridica consolidata, non comprime la capienza della quota pignorabile, a differenza della cessione del quinto.

In parole povere, il massimo pignorabile è la metà dello stipendio, cioè i 5/10 dello stipendio. La cessione del quinto impegna già i 2/10. Se lei si separasse, facciamo un’ipotesi didattica, dalla sua attuale moglie e le corrispondesse, con un accordo consensuale omologato dal giudice, i 3/10 del suo stipendio, i creditori procedenti non potrebbero pignorale nulla.

Ah, dimenticavo. Se non possiede beni immobili, comunque è soggetto anche a pignoramento eventuale del conto corrente. Per questo, non solo deve revocare i rid, ma il conto deve utilizzarlo solo per farvi transitare lo stipendio che andrebbe poi spostato, ancora caldo, in un conto corrente intestato a terzi.

Cominci ad allenarsi. E’ pur vero che per pignorare il conto corrente il creditore deve prima notificarle un ricorso per decreto ingiuntivo e poi il precetto. Ma, meglio non fidarsi. Lì fuori c’è tanta gente che si è trovata pignorata anche le mutande perchè definita “temporaneamente irreperibile” nella fase di notifica degli atti giudiziari.

27 Luglio 2012 · Carla Benvenuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Vorrei chiudere il mio negozio di alimentari - Troppe tasse e contributi ma zero introiti
Non ce la faccio più a pagare tasse, contributi e canone di locazione per la mia attività di commercio alimentari: ormai tutti vanno al supermercato e non apprezzano la qualità dei salumi, dei latticini, della pasta fresca fatta in casa che, fino ad una decina di anni fa, vendevo senza problemi. Ormai tutti pensano solo a risparmiare e non ci sono più i margini di una volta. I discount hanno spezzato le gambe al settore. Il problema è che sono ancora relativamente giovane: la licenza commerciale vale niente, nessuno è disposto ad investire tempo e denaro in un'attività destinata all'estinzione. ...

Troppe rate da pagare per rimborsare i debiti ogni mese - C'è qualche soluzione per uscirne?
Mi trovo in una situazione difficile da gestire, con debiti accumulati nell'arco degli ultimi anni: l'ultimo è un'esposizione negativa sul conto corrente Fineco da 8 mila e 500 euro di cui, in accordo con l'Ufficio Crediti Fineco, rimborso 100€ al mese e fino a 2 mesi fa nessun problema, salvo trovare 370 euro di interessi a cui non riesco a far fronte come pagamento immediato e di cui Fineco tramite raccomandata mi chiede il saldo entro 15 giorni. Il problema è che mensilmente pago una rata di quasi 300 euro con Carrefour per un prestito personale, 50 euro con Consel ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Troppe rate oramai