Trattativa saldo e stralcio - recupero crediti richiede ISEE

Sono in trattativa con un'agenzia di recupero crediti, per il pagamento di una carta revolving non più saldata per impossibilità finanziaria (2008): il debito residuo ammontava a circa 4500 euro. Contattato dall'agenzia propongo 2500 euro: anticipo 500 euro - il resto in rate da 50 euro.

Il tipo (penso del call center, scrive come "Gestore 37") mi dice che ha proposto la cosa alla direzione, ma non è stata accettata e per questo mi chiede l'ISEE.

Allora io gli rispondo che non voglio produrlo e lui nuovamente, alzando i toni, mi dice che se non invio i documenti procederanno per vie legali, con ulteriore aggravio dei costi (oltretutto gli ho fatto un rendiconto delle entrate/uscite della famiglia, cercando di dimostrare la mia buona fede, per far capire che la proposta fatta è l'unica possibile).

Premettendo che sono nullatenente - con lavoro a tempo determinato (da quest'anno) e che convivo (mutuo e casa intestati a lei) con un figlio di due anni e mezzo (in carico al 100% a lei), come mi consigliate di procedere?

Io nel frattempo mi sono trovato un lavoretto extra per poter adempiere a quanto proposto (scarico camion alle 5 del mattino) e magari posso aumentare la rata da 50 a 100 euro.

Molto probabilmente la documentazione ISEE serviva all'operatore per dimostrare ai suoi dirigenti la situazione economico patrimoniale di indigenza del debitore e giustificare la soluzione di accordo transattivo a saldo stralcio, con un piano di rientro a rate minime.

Inutile trasmetterla, naturalmente, se la DSU ISEE indica che il debitore non versa in condizioni economico patrimoniali precarie.

Nel caso (peraltro improbabile) che la società di recupero crediti promuovesse un'azione esecutiva finalizzata al pignoramento dello stipendio presso il datore di lavoro, al giudice interesserà sapere soltanto se sono in corso cessioni del quinto e se insistono altri prelievi forzosi. Il resto (convivente, situazione logistica, figli da mantenere, mutui da pagare) sono dettagli che contano zero.

Il giudice deve applicare la legge senza entrare in valutazioni che non gli competono e che potrebbero essere contestate con successo dal creditore.

Da una parte abbiamo, dunque, la società di recupero crediti che preferisce non andare incontro ad ulteriori spese legali da anticipare (anche se saranno successivamente poste a carico del debitore) per ottenere un pignoramento (il 20% della busta paga mensile netta) che potrebbe protrarsi solo per pochi mesi (il contratto di lavoro del debitore è a tempo determinato). E, dunque, privilegia una soluzione transattiva di accordo a saldo stralcio (pochi, maledetti e in tempi relativamente brevi).

Dall'altra il debitore che preferisce prendere tempo ed attendere, magari, la cessione di seconda mano del credito ad altra società con la conseguente possibilità di ridurre ancora l'importo da versare a saldo stralcio.

Ma, visto che lei è titolare di uno stipendio (anche se con un contratto a tempo determinato) la corda potrebbe spezzarsi. Se è consapevole di questo, giocare al rilancio attendendo proposte di chiusura economicamente più favorevoli potrebbe rappresentare la strategia vincente.

11 maggio 2015 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accordo bonario nel recupero crediti
accordo transattivo a saldo stralcio
che cosa è un accordo a saldo stralcio
come funziona il saldo stralcio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Quando il recupero crediti asserisce che non serve esibire un estratto conto cronologico del debito
Avevo scritto pochi giorni per una questione di un finanziamento che ho fatto 3 anni fa con la Santander di 10.000 euro purtroppo da piu di un anno e mezzo che ho perso il mio lavoro tempo indeterminato m sono trovata in difficolta per pagarlo . Adesso la banca inizialmente ...
Recupero crediti - L'accordo a saldo stralcio non integra una transazione novativa
Spesso il debitore perfeziona con il creditore (banca, finanziaria o società di recupero crediti) un accordo transattivo a saldo stralcio che prevede un notevole abbattimento dell'importo originario dovuto (gravato dagli interessi di mora) ed un piano di rientro rateale. Capita, talvolta, che il debitore non riesca, comunque, a tener fede ...
Accordo a saldo stralcio e liberatoria per cancellazione dalla CRIF - errori da non commettere
Sono stata segnalata al CRIF come cattiva pagatrice (ho saltato 4 rate da pagare) ma poi ho liquidato tutto alla società finanziaria in un unica soluzione, (questi mi avevano assicurato che non ero stata segnalata) ebbene dopo 1 anno mi è arrivato un avviso di pagamento di 161.00 euro per ...
Recupero crediti transfrontaliero in ambito UE
A luglio 2011, proprio per risolvere il problema del recupero crediti in sede europea, la Commissione ha proposto una legge comunitaria (una ordinanza, più propriamente) che, una volta approvata, dovrebbe consentire un celere sequestro conservativo dei beni del debitore, per facilitare il recupero del credito. Infatti, con la nuova legge ...
Recupero crediti all'estero » La procedura: iter unico
Arrivare ad una procedura unica comunitaria per il recupero crediti all'estero: è questo l'obiettivo del Consiglio dell'Unione europea. Il Parlamento Ue ha adottato un regolamento ad hoc che introduce uno strumento unico, in ambito comunitario, per il recupero crediti a livello internazionale in materia civile e commerciale. La procedura unica ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca