Trasferimento all'estero non UE .... debiti

Se uno si trasferisce in stato non UE e lascia debiti come finanziaria, carte di credito eccetera, é reperibile oppure il debito si congela? L'intenzione é di non tornare più. ..

Naturalmente i debiti non si congelano: ciascun creditore, tuttavia, deve sostenere i costi aggiuntivi per il rintraccio del debitore, quelli per investigare sulla consistenza patrimoniale del debitore e quelli, eventualmente, necessari ad affidare la pratica di recupero crediti ad uno studio legale del luogo in cui il debitore si è trasferito. Sempre che il titolo di credito, nel paese in cui il debitore emigra, sia riconosciuto da accordi bilaterali o multilaterali.

A fronte del singolo debito (non alla somma di tutti i debiti contratti con prestatori diversi) il creditore deve valutare se valga la pena procedere, anche in considerazione della possibilità di effettuare, con successo, una riscossione coattiva in grado di garantire il rimborso di quanto dovuto dal debitore e delle ulteriori spese sostenute per rintraccio, le investigazioni e gli onorari legali.

Insomma, ciascun creditore si muove se il singolo importo a debito è consistente e se il debitore possiede, nel paese in cui si è trasferito, beni il cui pignoramento garantisca, oltre ogni ragionevole dubbio, il recupero del dovuto e delle spese sostenute.

10 agosto 2014 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

recupero crediti estero

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Obbligo di avviso di accertamento al socio per riscuotere i debiti tributari della società
Il debito della società verso l'Amministrazione finanziaria può, naturalmente, riversarsi su coloro che hanno amministrato la società (o ne sono stati soci). Occorre però un atto che giustifichi questo passaggio. E questo atto non può che essere un avviso di accertamento indirizzato al socio o all'amministratore della società, cioè un ...
Pagamenti di importo inferiore a 5 euro anche con bancomat e carta di credito
I soggetti che effettuano l'attività di vendita di prodotti e di prestazione di servizi, anche professionali, sono tenuti ad accettare anche pagamenti effettuati attraverso carte di debito e di credito; tale obbligo non trova applicazione nei casi di oggettiva impossibilità tecnica. Al fine di promuovere l'effettuazione di operazioni di pagamento ...
Debiti ed eredità – cosa fare quando un nostro congiunto ci lascia debiti e cartelle esattoriali da pagare
Accade talvolta che, successivamente alla morte di un proprio caro, i parenti ricevano degli avvisi di accertamento o delle cartelle esattoriali relative a debiti del defunto nei confronti dell'erario. A tal proposito può essere utile ricordare preliminarmente che soltanto gli eredi possono essere chiamati a rispondere dei debiti di persone ...
Carta revolving
Per chi è gia familiare con l'uso delle carte di credito, la carta revolving (o carta di debito) puó rappresentare una semplice evoluzione. Solitamente, con la carta di credito (Visa, Mastercard, American Express e cosi via) tutti gli acquisti effettuati nell'arco di un mese sono addebitati in un'unica somma, il ...
Credito al consumo: acquisto tramite finanziaria? » Se il bene non è stato consegnato il consumatore non deve rimborsare il prestito
Acquisto di un bene tramite prestito con finanziaria: se l'oggetto non è stato consegnato o presenta differenze da quello effettivamente richiesto il consumatore ha diritto a non pagare il debito. In caso di credito al consumo la finanziaria non può agire contro l'acquirente del bene finanziato se questo non è ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca