Accollo di un debito ad un terzo - Cosa è la cessione del debito?

Si pone il caso in cui un erede Caio soccombente alle richieste dei coeredi ottiene una transazione che risolve i rapporti tra di essi.

Nell'accordo una delle parti Giulio accetta il pagamento delle spese legali che il tribunale ha già definite e poste a carico dell'erede soccombente Caio, ricevendo Giulio in contropartita un immobile di maggior valore delle spese in questione e chiudendo la questione ereditaria.

Giulio però ha affermato occasionalmente che al momento non ha nulla, (di fatto avendo intestato ogni bene fittiziamente ai figli).

Le domande sono dunque le seguenti: A)potrebbe l'avvocato di Giulio rivalersi comunque su Caio se Giulio non paga? B)quali azioni potrebbero intraprendere Giulio o il suo avvocato creditore, in buona o malafede, che possano comportare per Caio il pagamento delle spese legali (ad es.ipoteca a favore di terzi sull'immobile appena acquisito ecc.)? C) E' coerente pensare che Caio debba/possa iscrivere ipoteca sull'immobile di cui si parla a garanzia del pagamento delle spese legali?

Qui si affronta esclusivamente una questione di cessione del debito, regolata nel nostro ordinamento dall'articolo 1273 del codice civile.

L'accollo del debito è un accordo bilaterale tra debitore originario (Caio) e terzo accollante (Giulio), efficace a prescindere dall'adesione del creditore (l'avvocato di Giulio). Se c'è adesione da parte del creditore, l'accordo nei suoi confronti diventa irrevocabile: cioè l'avvocato di Giulio dovrà escutere necessariamente Giulio per ottenere il rimborso del credito vantato nei confronti di Caio, il quale verrà liberato da ogni obbligo verso l'avvocato di Giulio.

Altrimenti, in caso di mancata adesione, l'avvocato di Giulio, per riscuotere il credito vantato nei confronti di Caio, potrà escutere sia Caio che Giulio, che diventeranno debitori solidali dell'avvocato di Giulio. In un tale scenario, qualora l'avvocato di Giulio riuscisse ad escutere Caio, quest'ultimo, stante l'accollo (interno) assunto da Giulio, potrebbe a sua volta procedere ad escutere Giulio.

Tutte le altre eventuali residue questioni resteranno confinate ai rapporti intercorrenti fra Caio e Giulio i quali, per regolarle senza dare adito ad ulteriori ambiguità, potranno stipulare scritture private notarili. Sulla base di tali contratti, in caso di inadempimento agli obblighi sottoscritti da una delle parti, l'altra potrà procedere, ottenuto un decreto ingiuntivo, a recuperare l'eventuale credito con le usuali procedure di riscossione coattiva.

18 giugno 2017 · Carla Benvenuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cessione del credito

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Debito solidale e coobbligati - Rinuncia del creditore alla solidarietà verso uno dei condebitori con o senza remissione
Come sappiamo, il debito è in solido quando più debitori (condebitori) sono tutti obbligati al rimborso, in modo che ciascuno può essere costretto all'adempimento per la totalità del debito (o parte di esso) e l'adempimento di uno libera gli altri. Analizziamo, adesso, le differenze fra rinuncia alla solidarietà a favore ...
Garanzie – fideiussione con escussione a prima richiesta (esempio)
Tizio stipula un contratto di subappalto con Caio Tizio chiede una fideiussione con escussione a prima richiesta a Caio per garantirsi da eventuali inadempienze di Caio nell'esecuzione del contratto di subappalto. Vengono stabilite delle penali pecuniarie che Caio dovrà corrispondere a Tizio quando vengano violate le clausole contrattuali concordate. O ...
Effetti della mora del debitore nel risarcimento del danno
Il debitore del risarcimento del danno è in mora dal giorno in cui il danno si verifica. La mora dell'obbligo di risarcire il danno, com'è noto, non produce interessi legali, in quanto il debito riconducibile al risarcimento del danno ha natura di obbligazione di valore e non di valuta. Come ...
Il defunto aveva emesso un assegno di cui il beneficiario non riesce a motivare la causa - L'erede chiede ed ottiene la restituzione dell'importo facciale
Caio adiva il Tribunale territorialmente competente nella qualità di erede del de cuius, asserendo che quest’ultimo aveva pagato a Tizio, senza titolo, un'ingente somma di denaro a mezzo di assegno bancario. Chiedeva, pertanto, la condanna di Tizio alla restituzione di tale pagamento indebito. Tizio si costituiva in giudizio ribattendo che ...
La cambiale ipotecaria » Di cosa si tratta
La cambiale ipotecaria è un titolo di credito cartolare garantito da ipoteca. Come tutti i titoli di credito cartolari, anche la cambiale ipotecaria incorpora i diritti e le obbligazioni che emergono dal documento cartaceo che la rappresenta, è di norma redatta su appositi moduli prestampati e deve rispondere ad esigenze ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca