Totem autovelox arancioni in città – Funzionano davvero?

Spesso, tornando a casa, su una via di Roma, vedo posizionati dei totem arancioni, simili a bidoni, con l’indicazione di un autovelox: io, rallento sempre per precauzione, ma vedo che le macchine continuano a sfrecciare tranquillamente.

Un mio amico, che passa sempre per di là, mi ha detto di non aver ricevuto mai nessuna multa.

Insomma, questi totem autovelox funzionano o sono tarocchi?

Con un recente intervento, Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha chiarito il ruolo dei totem arancioni che dovrebbero funzionare come autovelox ed invece nella maggior parte dei casi non contengono nessun rilevatore di velocità.

Negli ultimi anni, numerosi comuni italiani hanno deciso di adottare i cosiddetti autovelox totem arancioni, una delle principali novità in questo delicato settore.

Nei tratti stradali dove sono presenti, spesso il limite di velocità è pari a 50 km/h, in quanto si trovano all’interno o in prossimità dei centri abitati.

Questi totem, però, non sono omologati.

Anzi, non potranno mai essere omologati, per una ragione semplice: non sono previsti dal Codice della strada.

Ciò, poichè all’interno deve essere piazzato un dispositivo che sia stato omologato e accanto al totem deve essere presente una pattuglia.

In modo che ogni automobilista possa rendersi conto del fatto che è in corso un controllo.

Non solo: è necessario essere sicuri che il contenitore non alteri la funzionalità del vero autovelox. Spesso, però, tutte queste condizioni non si verificano.

La ratio della loro presenza, dunque, dicono i Comuni, è quella di limitare la velocità sulle strade, facendo leva sul dilemma del guidatore: Sarà attivo quel totem oppure no? Nel dubbio, meglio rallentare….

Ovviamente i Comuni che li installano li fanno segnalare con tutti i crismi del caso: cartelli che segnala il misuratore qualche metro prima e poi sono sempre ben visibili.

Dunque, non essendo omologati e, nella maggior parte delle volte, non avendo al loro interno l’autovelox, le colonnine arancioni che dovrebbero misurare la velocità delle automobili in entrata o in uscita dai centri abitati si trasformano, nei fatti, in semplici cartelli stradali, quelli che indicano il limite di velocità (in questo caso 50 km/h).

27 Aprile 2018 · Giuseppe Pennuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Codice della strada - Al via gli autovelox anche in città
Ho sentito dire che presto verranno attivati gli autovelox anche nelle strade cittadine e saranno introdotte anche altre piccole modifiche, sempre a discapito di noi automobilisti. Potete aggiornami sulle novità? ...

Gli automobilisti tremano - Arriva lo scout speed: autovelox invisibile
Ho ricevuto una multa effettuata tramite uno strumento che non conoscevo, lo scout speed: ho tentato ad effettuare il ricorso asserendo che il dispositivo non era correttamente segnalato, ma è stato bocciato. Pare che non ce ne sia bisogno. Sto iniziando a preoccuparmi: quanti sono, sulle strade, questi strumenti e come funzionano? ...

Multe da autovelox - Quali sono i modi per vincere un ricorso?
Viaggio spesso in strade extraurbane e non per lavoro, e sempre più spesso, sono costretto a pagare multe per eccesso di velocità elevate tramite autovelox, che spuntano ormai come funghi. Io sono un automobilista abbastanza prudente, ma spesso questi strumenti elettronici spuntano nei posti più disparati, con limiti di velocità assurdi al limite della legalità. Vorrei sapere quali sono i motivi per cui si può fondare un ricorso. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Totem autovelox arancioni in città – Funzionano davvero?