TIM Ricarica+: truffa in piena regola oppure offerta poco chiara? - I consumatori sul piede di guerra

Ho comprato una ricarica di Tim, denominata Ricarica+, spendendo 10 euro: in realtà però, mi sono stati accreditati soltanto 9 euro di traffico telefonico.

Chiamando il servizio clienti, mi è stato spiegato che quell'euro che mi è stato stornato è è in realtà il costo di un'offerta che prevede internet e minuti illimitati per 24 ore più la partecipazione a un concorso per vincere smartphone, tablet e ricariche ogni mese.

A me nessuno l'aveva detto e non è specificato chiaramente.

Si tratta di un raggiro o di un'offerta poco chiara?

I più giovani non lo ricordano ma, anni fa, si spendevano 15 euro per ricaricare il cellulare di 10: dal 2007, però, i costi di ricarica sono stati aboliti, in una delle lenzuolate di liberalizzazioni volute dall'allora ministro dello Sviluppo Economico Pierluigi Bersani.

Nelle ultime settimane, però, stanno arrivando molte segnalazioni di utenti Tim che, convinti di aver acquistato ricariche da 5 e 10 euro al bar, in tabaccheria o in edicola, si sono poi accorti di aver incrementato il credito rispettivamente di 4 e di 9 euro.

Quell'euro, visto inizialmente come una commissione ingiustificata, è in realtà il costo di un'offerta (Ricarica +) che prevede internet e minuti illimitati per 24 ore più la partecipazione a un concorso per vincere smartphone, tablet e ricariche ogni mese.

Il problema è che a questi utenti non l'ha detto nessuno: hanno aderito a un'offerta in modo inconsapevole.

E questo, accade soprattutto per i canali di acquisto tradizionali.

In tabaccherie, edicole e bar non è possibile scegliere di eliminare l'attivazione dell'offerta Ricarica+ e acquistare una ricarica standard intera, pertanto l'utente non ha alternative e subisce, se non correttamente informato, l'attivazione di un servizio senza averlo scelto.

Molti clienti, inoltre hanno chiesto spiegazioni al servizio clienti della Tim, senza ricevere tuttavia risposte chiare".

Proprio intorno a questo argomento si è sviluppato un incontro a fine giugno tra la Tim e cinque associazioni (Adiconsum, Adoc, Cittadinanzattiva, Confconsumatori e Federconsumatori).

E proprio in risposta alle perplessità delle associazioni l'azienda ha spiegato, di aver "già messo in campo tutte le azioni volte a garantire la massima trasparenza nella scelta di acquisto da parte del cliente dell'"Offerta Ricarica +" presso tutti canali di vendita, ed in particolare tabaccai e giornalai".

Azioni che si sono concretizzate in tre iniziative: il cambio del nome in "Offerta Ricarica +" in modo che il cliente possa riconoscere da subito la differenza con una normale ricarica; nuovo materiale informativo che dovrà essere esposto nei punti vendita - a cura dell'esercente - in modo da garantire al cliente una maggiore trasparenza e un acquisto consapevole".

Come rete di emergenza la compagnia ha promesso il rimborso di 1 euro a chi ritiene di non essere stato informato in modo esaustivo.

Azioni ritenute però insufficienti.

Questa policy si ripercuote sulla fascia più debole e abitudinaria dei consumatori, in particolare quelli di età avanzata che spesso hanno scarsa dimestichezza con gli strumenti tecnologici.

Da questa prospettiva la possibilità di chiedere un rimborso attraverso il servizio clienti appare non tanto come il riconoscimento di un diritto, quanto una sorta di ‘premio di consolazionè da parte dell'azienda".

19 luglio 2019 · Giovanni Napoletano

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore - telefonia internet social DT e pay tv

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca