TFR non corrisposto dal datore di lavoro e proposta di conciliazione stragiudiziale

Volevo ottenere un consiglio pratico su come ottenere il TFR dalla ditta per cui lavoro dato che tale ditta dal 2007 ha cambiato nome della società senza dichiarare fallimento e quindi sono stato licenziato e immediatamente riassunto senza percepire il suddetto TFR. In seguito la ditta mi ha proposto un incontro con il sindacato CISL. A quale scopo?

Attese le scarne informazioni che lei fornisce possiamo solo supporre che il datore di lavoro voglia approfittare dell'istituto della conciliazione stragiudiziale previsto dalla legge: in pratica verrà portato di fronte ad una commissione sindacale per sottoscrivere un accordo in cui, a fronte di qualche spicciolo, dovrà rinunciare a tutte le sue eventuali spettanze pregresse, compreso il Trattamento di Fine rapporto (TFR) maturato negli anni, fino ad oggi.

Naturalmente, a fronte del rifiuto di sottoscrivere l'accordo, il lavoratore sarà prima o poi costretto alle dimissioni oppure, se ne ricorrono le condizioni, licenziato per giustificato motivo oggettivo. Sono queste le tutele crescenti di cui millantano la cricca fiorentina al governo ed i sinistri piddini!

Se decidesse di rivendicare i suoi sacrosanti diritti, nonostante il rischio di pagarne le conseguenze, deve trovare un avvocato che sia disponibile a stipulare con lei un sostanziale patto di quota lite: cioè lei dovrà sostenere solo le spese di giustizia iniziali per incardinare il giudizio innanzi al giudice del lavoro (contributo unificato), mentre gli onorari saranno corrisposti esclusivamente come percentuale (da concordare) dell'importo effettivamente recuperato con l'azione legale condotta nei confronti del suo attuale datore di lavoro.

16 marzo 2016 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

recupero del TFR

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Tfr non corrisposto dal datore di lavoro » Come recuperarlo
La tragica crisi economica che ha colpito il nostro, e non solo, Paese, sta mettendo in grave difficoltà molti datori di lavoro e aziend,e a tal punto da non poter corrispondere ai propri dipendenti il trattamento di fine rapporto (Tfr) e spesso anche gli stipendi. Come si deve comportare, dunque, ...
Tfr non corrisposto dal datore di lavoro e morte del dipendente » Spetta agli eredi
Alla morte di un lavoratore dipendente, al quale non sia stato ancora corrisposto il TFR (trattamento di fine rapporto), a chi spetta l'ammontare del credito? Quando si parla di TFR è bene sapere che, in caso di decesso del dipendente, lo stesso non confluisce indistintamente nell'asse ereditario del defunto come ...
Giovani genitori disoccupati o precari - Una chance per trovare un lavoro stabile
Il Ministro della Gioventù ha stanziato 51 milioni di euro per la realizzazione di interventi in favore dell'occupazione di soggetti di età non superiore a 35 anni e con figli minori. In pratica, viene erogato un incentivo di 5 mila euro a favore delle imprese che provvedono ad assumere in ...
Più difficile per il lavoratore il recupero del TFR se il datore di lavoro insolvente non è assoggettabile a fallimento
Com'è noto, il pagamento al lavoratore del Trattamento di Fine rapporto (TFR) viene effettuato attingendo dal fondo di garanzia gestito dall'INPS qualora non vi adempia il datore di lavoro. Tuttavia, se il datore di lavoro inadempiente non risulta assoggettabile alle procedure fallimentari, requisito indispensabile per accedere al fondo di garanzia ...
Una volta raggiunta l'indipendenza economica, il figlio maggiorenne, che perde il posto di lavoro, non ha più diritto all'assegno di mantenimento
Una volta raggiunta la capacità lavorativa, e quindi l'indipendenza economica, la successiva perdita dell'occupazione non comporta la reviviscenza dell'obbligo del genitore al mantenimento dei figli maggiorenni. Si tratta del principio di diritto enunciato, nella sentenza 6509/2017, dai giudici della Suprema Corte di cassazione, chiamata a pronunciarsi sulla legittimità di una ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca