Tfr non accreditato dal datore di lavoro al fondo pensione

Ho il tfr in un fondo pensione e sono venuta a conoscenza che il mio datore di lavoro da un anno non accredita il tfr al mio fondo pensione. Cosa devo fare: visto che sta cambiando anche gestione?

Per quanto riguarda il cambio di gestione aziendale può stare tranquilla: il vecchio datore di lavoro rimane obbligato nei confronti del lavoratore suo dipendente, il cui rapporto sia proseguito con il nuovo datore di lavoro, per la quota di trattamento di fine rapporto (TFR) maturata fino al trasferimento aziendale, mentre il nuovo datore di lavoro è obbligato per la stessa quota solo in ragione del vincolo di solidarietà, mentre resta l’unico obbligato quanto alla quota maturata nel periodo successivo al suo formale ingresso alla guida dell’azienda.

Per quanto attiene invece gli asseriti omessi trasferimenti del TFR al fondo pensione sarà bene far accertare l’omissione dalla rappresentanza sindacale aziendale oppure affidarsi, per una eventuale diffida, ad una associazione sindacale di categoria operante nel territorio in cui vive e lavora.

30 Marzo 2019 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pagamento da parte del nuovo datore di lavoro di cessione del quinto sottoscritta durante l'impiego presso un precedente datore di lavoro
Vorrei sapere se il datore di lavoro è tenuto a pagare un debito derivante dalla richiesta di una società di recupero crediti che opera per conto di una assicurazione garante di cessione del quinto, a suo parere estinta anticipatamente con Tfr e per il quale residuo io non sono a conoscenza; e inoltre il datore di lavoro deve avvertire il dipendente che sta effettuando tale pagamento? ...

In caso di fallimento del datore di lavoro il pagamento del trattamento di fine rapporto (TFR) da parte del fondo di garanzia INPS è subordinato all'ammissione del credito del lavoratore allo stato passivo (insinuazione al passivo)
In caso di fallimento del datore di lavoro, il pagamento del trattamento di fine rapporto (TFR) da parte del fondo di garanzia INPS richiede, secondo la disciplina della legge 297/1982, articolo 2, che il lavoratore assolva all'onere di dimostrare che è stata emessa la sentenza dichiarativa di fallimento e che il suo credito è stato ammesso allo stato passivo, senza che questo requisito possa essere escluso a seguito della dimostrazione, da parte del lavoratore, che la mancata insinuazione nel passivo fallimentare del suo credito è addebitabile alla incolpevole non conoscenza da parte sua dell'apertura della procedura fallimentare, poiché la legge ...

In caso di fallimento del datore di lavoro il Fondo di garanzia INPS paga il TFR solo se c'è stata insinuazione al passivo
Nel febbraio 2017 la ditta (SaS) presso cui lavoro chiude, senza pagarmi le ultime 8 buste paga nè il TFR: per accedere al fondo di garanzia INPS, mi rivolgo ad un avvocato che avvia le pratiche (pignoramento, decreto ingiuntivo) necessarie. Nel frattempo il datore viene dichiarato fallito con chiusura anticipata del fallimento per assenza di attivo; la nostra richiesta di insinuazione - tardiva - nel passivo del fallimento infatti non viene accolta in quanto il fallimento è stato immediatamente chiuso. L'INPS accoglie la mia domanda ma, ahimè, nel ricorso per decreto ingiuntivo l'avvocato erroneamente fa riferimento solo alle mensilità non ...

Dove mi trovo?