Sono il terzo pignorato - che problemi potrei avere?

Vorrei sapere a cosa vado incontro essendomi arrivato un atto per il terzo pignorato: io ho un dipendente che ha contratto un mutuo con una banca; non riuscendo a pagare il debito mi hanno mandato un atto come terzo pignorato. Che problemi potrei avere?

Lei è stato invitato ad inoltrare al creditore la dichiarazione formale in cui viene specificata la somma di cui è mensilmente debitore verso il dipendente.

In pratica, in qualità di datore di lavoro, dovrà fornire al giudice le informazioni circa l'entità dello stipendio erogato al debitore, nonchè l'eventuale insistenza, sulla retribuzione, di cessioni del quinto in corso o pignoramenti pregressi. In tal modo il giudice potrà stabilire correttamente la quota della busta paga che, successivamente, dovrà essere corrisposta direttamente al creditore procedente.

Potrà fornire tale chiarimento attraverso una comunicazione scritta, inviata al legale del creditore procedente. La trasmissione delle informazioni richieste potrà avvenire con raccomandata a/r, o con e-mail tramite PEC.

La dichiarazione dovrà specificare quale rapporto esiste con il debitore pignorato; ad esempio qualifica d'impiego, importi corrisposti busta paga e somme già trattenute sugli emolumenti spettanti al debitore (come accennato, eventuali cessioni del quinto e pignoramenti in corso).

La dichiarazione, successivamente, sarà presentata al giudice che determinerà l'importo che lei dovrà versare direttamente al creditore procedente.

Ha dieci giorni di tempo per adempiere, pena la citazione di comparizione in udienza per rendere la dichiarazione verbalmente.

Se non procederà alla dichiarazione e se neanche si presenterà in udienza, lei rischia di dover rifondere i danni al debitore qualora, in mancanza delle informazioni di cui lei è depositario (soprattutto cessioni del quinto e pignoramenti in corso) il giudice dovesse stabilire una quota di pignoramento che ecceda i limiti di legge previsti.

3 giugno 2015 · Roberto Petrella

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento presso terzi
pignoramento stipendio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Opposizione all'esecuzione da parte del terzo pignorato
Com'è noto, il criterio distintivo fra l'opposizione all'esecuzione e l'opposizione agli atti esecutivi si individua considerando che con l'opposizione agli atti esecutivi si contesta solo la legittimità dello svolgimento dell'azione esecutiva attraverso il processo, deducendosi l'esistenza di vizi formali degli atti compiuti o dei provvedimenti adottati nel corso del processo ...
Cattivi pagatori e cross bording transnazionale
Da un anno sono andata a vivere all'estero (fuori UE) per cercare altre possibilità, dopo una situazione economica difficile in Italia. Purtroppo ho dovuto utilizzare le mie carte di debito e credito italiane, acquistando merci per valore di 2.500 euro circa. La situazione comunque non è migliorata visto che in ...
Opposizione all'esecuzione del debitore esecutato e del terzo pignorato - ammissibile anche oltre il termine di cinque giorni dalla notifica del precetto
In materia di esecuzione forzata, il criterio distintivo fra l'opposizione all'esecuzione e l'opposizione agli atti esecutivi si individua considerando che, con la prima, si contesta il diritto della parte istante di procedere ad esecuzione forzata per difetto originario o sopravvenuto del titolo esecutivo ovvero – nell'esecuzione per espropriazione – della ...
Azione revocatoria del versamento effettuato da un terzo sul conto corrente dell'imprenditore fallito
Com'è noto, il curatore fallimentare può chiedere, tramite azione revocatoria, che siano dichiarati inefficaci gli atti di terzi compiuti in pregiudizio della "par condicio" fra i creditori. La domanda che ci si pone è allora la seguente: se un terzo effettua un versamento sul conto corrente in rosso del debitore ...
Mutuo - cambio o sostituzione
Cosa è il cambio o sostituzione del mutuo Il cambio del mutuo è la possibilità che il mutuatario esercita al fine di usufruire di condizioni finanziarie più favorevoli ed eventualmente di ottenere anche liquidità per soddisfare sopraggiunte necessità finanziarie. In questo caso è possibile estinguere il vecchio mutuo per accenderne ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca