Stop alle bollette di consumo energia per le popolazioni colpite dal sisma - Proroga al 2020

Abito in un paesino nei pressi di Amatrice, colpito dal sisma due anni fa: stiamo ancora cercando di rimetterci in piedi sia economicamente che moralmente, e ho saputo che a Gennaio 2019 finirà lo stop del pagamento per le bollette nelle zone colpite.

Sapete se ci sarà un'eventuale proroga?

Lo stop del pagamento delle bollette per quanto riguarda gli abitanti colpiti dal sisma dell'Agosto 2016 era già stato prorogato fino a Gennaio 2019: ma sembra che anche quest'anno ci saranno buone notizie.

Sono stati prorogati al 2020, infatti, i termini di sospensione del pagamento per le fatture di acqua, energia elettrica e gas per le famiglie e le piccole imprese coinvolte negli eventi sismici del 24 agosto 2016 e successivi.

Con questa delibera, la 587/2018, dell'Autorità di regolazione per Energia, Reti e Ambiente (Arera) vengono, infatti, attuate le ulteriori novità previste dalle leggi 89 e 108 del 2018 a favore delle zone terremotate.

In particolare, per i beneficiari delle agevolazioni che hanno dichiarato l'inagibilità del fabbricato (casa di abitazione, studio professionale o azienda) viene differita di un anno, dal primo gennaio 2019 al primo gennaio 2020, la sospensione dei termini di pagamento delle fatture emesse o da emettere alla data dell'evento sismico.

Inoltre, per le utenze/forniture localizzate nelle ‘zone rossè (terremoto Centro Italia) è stato previsto che la sospensione dei pagamenti delle fatture sia prolungata sino al 31 dicembre 2020 in maniera automatica, a prescindere dalla dichiarazione di inagibilità dell'immobile in cui si trova l'utenza/fornitura colpita.

A maggior tutela e garanzia dei soggetti titolari di utenze/forniture localizzate nelle ‘zone rossè , è stato previsto che questi siano ugualmente esentati sino al 31 dicembre 2020 - per quanto riguarda le forniture di energia elettrica, gas naturale e gas diversi distribuiti a mezzo di reti - dal pagamento delle componenti a copertura dei costi del servizio di rete, degli oneri generali e delle ulteriori componenti; per quanto attiene al servizio idrico integrato l'esenzione riguarda il pagamento di tutti i corrispettivi (relativi ai servizi di acquedotto, fognatura e depurazione e dalle relative componenti di perequazione).

Sino a tale data sono previste esenzioni anche in relazione ai corrispettivi per nuove connessioni, disattivazioni, riattivazioni e/o volture.

È stato inoltre previsto che i venditori di energia elettrica, gas e gas diversi distribuiti a mezzo di reti azzerino anche tutte le componenti fisse, comprese le componenti direttamente determinate dal venditore (tipicamente a copertura dei costi di commercializzazione).

Infine, la delibera 587/2018/R/com, dando attuazione alla recente normativa, ha previsto che i soggetti titolari di utenze inagibili, attive alla data del 21 agosto 2017, nei Comuni di Ischia (Casamicciola Terme, Lacco Ameno e Forio) potranno beneficiare della sospensione dei termini di pagamento delle fatture emesse o da emettere sino al primo gennaio 2020, presentando nelle modalità richieste la dichiarazione di inagibilità del fabbricato (casa di abitazione, studio professionale o azienda).

I venditori e i gestori del SII, in relazione a tali utenze, non potranno altresì dare corso ad eventuali azioni di sospensione della fornitura per morosità, anche se verificatesi precedentemente alla data del sisma.

22 novembre 2018 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

fornitura energia elettrica
fornitura gas
tutela consumatore gas acqua luce

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca