Termine ultimo di procedimento extragiudiziale intimato da società di recupero crediti

Ho ricevuto una lettera da una società di recupero crediti avente ad oggetto Termine ultimo di procedimento extragiudiziale: nella lettera si ricorda la fonte del debito, il suo ammontare e c'è proposta a valutare un piano di rientro; in mancanza di riscontro da parte mia dicono che ricorreranno all'autorità giudiziaria.

A scanso di equivoci, il debito in questione è dovuto. Vorrei se possibile un consiglio su come mi convenga procedere.

Nessun consiglio è possibile fornire, dal momento che tutto dipende da quanto lei risulta aggredibile in un'azione esecutiva promossa dal creditore.

In altre parole, se percepisce uno stipendio e vuole evitarne il pignoramento, le conviene concordare un piano di rientro alle condizioni fissate dalla controparte.

Se, invece, è nullatenente, oppure ha soltanto un lavoro pagato in nero, allora può trattare sull'importo del debito residuo da rimborsare e sull'entità della rata mensile del piano di rientro, alle condizioni che riterrà di dettare.

9 aprile 2018 · Ludmilla Karadzic

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?