Quali sono i termini di prescrizione dei diritti di un lavoratore?

Entro quanti anni può fare vertenza un dipendente che si è licenziato da solo?

La legge stabilisce che il diritto al pagamento della retribuzione mensile si prescrive in cinque anni: nella fattispecie il termine di prescrizione decorre dalla data in cui è cessato il rapporto di lavoro.

Lo stesso termine di prescrizione quinquennale vale per rivendicare crediti derivanti dalle differenze retributive che spettano per una qualifica superiore accertata giudizialmente (in questo caso il termine decorre dalla sentenza passata in giudicato).

Pure in un quinquennio si prescrivono i diritti alle retribuzioni corrisposte al lavoratore con periodicità annuale o inferiore nonché i diritti alle indennità che spettano al lavoratore per la cessazione del rapporto di lavoro (tra cui il trattamento di fine rapporto).

La prescrizione è invece decennale per quel che riguarda il diritto al risarcimento del danno provocato dal mancato versamento dei contributi da parte del datore di lavoro, per il diritto alla qualifica superiore e per il diritto al risarcimento del danno derivante da dequalificazione professionale.

18 agosto 2017 · Tullio Solinas

Altre discussioni simili nel forum

prescrizione e decadenza dei debiti e dei crediti

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca