Tentativi di phishing sulla piattaforma Netflix? - Ecco come difendersi

Ho ricevuto un e-mail, riconducibile a Netflix, dove era scritto che c'erano problemi con la riscossione del saldo con la mia carta prepagato: mi sono preoccupata, ho inserito i dati e la mia prepagata è stata svuotata.

Adesso l'ho bloccata, ma ho perso comunque i soldi che c'erano li sopra.

Come si fa a tutelarsi in queste situazioni?

Come lei, anche molte altre persone sono cadute nella trappola: infatti, nelle ultime settimane, Netflix è stato preso di mira da un sofisticato attacco di phishing che utilizza il marchio falso della società per indurre i clienti ad aggiornare erroneamente i loro dettagli di pagamento.

Ma come fare per difendersi concretamente da questi attacchi di phishing informatico?

Basta seguire semplici regole.

Prima di aprire qualsiasi link, assicurati di vedere prima l'URL completo.

Una volta che lo fai, guarda la fonte ed accertati che sembri legittimo.

Tieni presente che anche se l'URL ha l'icona di blocco o inizia con “https” non significa che sia sicuro.

La regola è semplice, se non sei sicuro che sia autentico, eliminalo immediatamente.

Attenzione al typosquatting: in questo modo i criminali informatici possono ingannare molti utenti modificando una o due lettere del marchio e facendo in modo che facciano clic sul collegamento e condividano le informazioni personali.

Controlla attentamente le lettere e fai attenzione al possibile typosquatting come il famoso attacco “Tvvitter”.

Quando si effettua una ricerca su Internet tramite lo smartphone, prestare attenzione alla rete wireless a cui si è connessi durante gli acquisti online.

È sufficiente inviare le informazioni dalla propria carta di credito quando si è connessi a una rete sicura di cui ci si fida.

E ricorda che il modo per tenere al sicuro i tuoi soldi è usando PayPal o la tua carta di credito.

Quando possibile, evita di acquistare online con carte di debito.

Rendi le tue password diverse e difficili da indovinare.

Includi lettere maiuscole e minuscole, numeri e simboli per renderlo difficile da scoprire.

Per aumentare la consapevolezza attraverso l'educazione, è bene testare simulazioni di attacco automatizzato, formazione sulla consapevolezza della sicurezza e metriche di valutazione pratica.

Infine, se pensi di essere vittima di un attacco di phishing, cambia immediatamente la tua password.

Dovresti inoltre contattare la tua banca per verificare attività fraudolente.

10 agosto 2018 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

phishing informatico e truffa online

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca