Tempi distacco gas

Sono un padre di famiglia e vivo al nord: mi arriva raccomandata oggi, riportante che se non pago tutti gli arretrati delle bollette gas entro 20 giorni, il 21.mo giorno mi staccano la fornitura. Io voglio pagare, ma non tutto entro 20 giorni perché non ho tutti quei soldi. Visto che sto per mettere bombola e scaldino mi serve ancora un mese di tempo.

Fra 20 giorni potranno davvero mandarmi un tizio a staccare e non potrò rifiutarmi? Altrimenti come funzionano di preciso tempi e modi di distacco?

Cominciamo col dire che, mentre per la fornitura di energia elettrica possono essere attivati un abbassamento di tensione o un distacco di alimentazione da remoto, per la fornitura del gas l’intervento (manuale) deve essere effettuato, localmente, sui tubi posti a valle del contatore.

Pertanto, i tempi di distacco dipendono esclusivamente da dove è ubicato l’impianto di derivazione dalla tubazione comune e, naturalmente, dalla sua tipologia: in pratica, nel caso in cui Italgas (la società terza che si occupa, fra l’altro, di interrompere la fornitura ai clienti morosi) per poter intervenire a valle del contatore, deve necessariamente accedere all’unità abitativa, i tempi di distacco possono diventare estremamente lunghi. Basta non far entrare in casa gli operatori incaricati, finchè non accompagnati da forza pubblica con un mandato giudiziale.

In un tale scenario l’alternativa per poter effettuare l’interruzione della fornitura in tempi non biblici è quello di intervenire direttamente sulla derivazione: questo, però, vuol dire che gli operai devono attrezzarsi con una piattaforma mobile in grado di raggiungere in altezza il balcone (o la finestra) dove c’è la derivazione dalla colonna comune che va a servire la specifica unità abitativa. Se l’impianto è posto all’interno di un condominio, e non su strada pubblica, Italgas potrebbe incontrare enormi difficoltà a realizzare il distacco.

Certo, qualora l’impianto di derivazione fosse posto in un luogo accessibile e non presidiato, il distacco sarebbe cosa relativamente semplice da realizzare.

Per concludere va aggiunto che, una volta regolata la posizione debitoria verso la società fornitrice, il distacco del gas al cliente moroso, anche se preordinato, non può più essere portato a termine.

6 Luglio 2016 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Morosità per bollette fornitura luce - Distacco in tempo record: è normale?
Da tempo, per problemi economici e per sopravvivere, non sto più pagando la bolletta della luce: così, la compagnia fornitrice mi ha inviato la classica raccomandata con cui intimava di pagare prima di procedere al distacco. La cosa strana però, è che appena 7 giorni dopo che ho ricevuto la raccomandata, mi è stata disattivata la fornitura. Non è troppo presto? Stavo chiedendo prestiti ai parenti apposta per regolarizzare la mia posizione ma non ho fatto in tempo. ...

Sto per recuperare per fortuna... ma i tempi?
Salve, allora dopo un bruttissimo periodo, ho avuto un pignoramento immobiliare nel 2009, fortunatamente ho venduto l'immobile a dicembre 2013 con conseguente cancellazione del pignoramento presso il Tribunale. Nell'arco di quegl'anni ho contratto prestiti che ho pagato poi ai vari recuperi crediti, fino ad arrivare anche al protesto di una ventina di cambiali, (ognuna di circa 100euro) inerenti anch'esse a due prestiti, e di un assegno a vuoto (poi cmq risolto col beneficiario e con il notaio ma ho portato in ritardo la documentazione in banca che mi ha segnalato lo stesso nel gennaio 2014). Per mia fortuna nel mese ...

Installati i dispositivi di contabilizzazione del calore ma l'amministratore ci chiede di ripartire le spese di riscaldamento secondo i millesimi - Posso rifiutarmi di pagare?
Il condominio in cui abito ha installato come prevede la nuova normativa i contabilizzatori di calore ai termosifoni completi anche di valvole termostatiche. Ci troviamo quindi in questo anno a pagare le bollette secondo gli effettivi consumi. La ditta installatrice si era impegnata a fare le dovute letture per poi ripartire le spese entro l'11 febbraio 2017 ma ciò non è avvenuto. Abbiamo ricevuto quindi una lettera dell'amministratore con inclusi cinque bollettini postali in cui ci è stato invitato a pagarli tutti in attesa della contabilizzazione che non è avvenuta. Seguirà poi un futuro conguaglio. La mia spesa supera i ...

Dove mi trovo?