Telefonia mobile ed aumenti - Wind e Vodafone rimodulano le tariffe?

Sono un utente Wind da diverso tempo e ho già subito un paio di volte un aumento dei prezzi: ho letto da qualche parte che a Settembre è previsto un altro rincaro delle tariffe.

E' vero?

Alla fine dell'estate i clienti che hanno sottoscritto offerte e contratti, sia di telefonia mobile che fissa, con Vodafone e Wind potrebbero avere una brutta sorpresa: i prezzi delle bollette aumenteranno fino a 4 euro al mese.

Dal giorno 3 settembre 2018, infatti, i clienti che hanno Vodafone ricaricabile vedranno un aumento di 2 euro al mese.

Coloro che sono interessati ai nuovi costi sono già stati avvisati tramite SMS proprio da parte di Vodafone, ed entro il giorno prima della rimodulazione i clienti potranno recedere dal contratto e passare ad un altro operatore senza penali, costi di trasferimento o di disattivazione.

L'aumento di 4 euro, sempre dal 3 settembre, sarà applicato a clienti privati con SIM dati ricaricabile, ma questi ultimi – fino al 27 luglio dell'anno prossimo – possono scaricare 13 mila canzoni, guardare 60 ore di streaming e chiamare e videochiamare fino ad un massimo di 80 ore.

Per i clienti che vogliono eliminare il contratto, è possibile farlo recandosi sul portale, andando nei negozi Vodafone, inviando una raccomandata A/R a Servizio Clienti Vodafone, casella postale 190 – 10015 Ivrea (TO), chiamando il 190, o inviare una PEC alla casella disdette@vodafone.pec.it.

In tutti i casi, si dovrà specificare come causale modifica delle condizioni contrattuali.

Per quanto riguarda Wind, invece, gli aumenti inizieranno a partire dal 20 settembre 2018 e l'invio della bolletta in formato cartaceo, incluso le spese di spedizione, costerà 2 euro ad invio.

Per non subire l'aumento, sul sito della Wind, nell'area clienti si può richiedere l'invio delle bollette nel solo formato elettronico, che sarà inviato tramite mail.

Dal 5 ottobre 2018, invece, altre offerte subiranno un aumento di 2.50 euro.

Coloro che sono interessati dalla rimodulazione riceveranno nel giro di qualche settimana una comunicazione in fattura.

Identicamente a quanto concesso con Vodafone, anche in questo caso, è possibile recedere dal contratto fino al giorno prima della rimodulazione, senza pagare ulteriori penali.

La causale da inserire deve essere “modifica condizioni contrattuali”.

Si può procedere, chiamando il 155, inviando una raccomandata a Wind Tre SpA. – Servizio Disdette – Casella Postale 14155 – Ufficio Postale Milano 65 – 20152 Milano, inviando una PEC servizioclienti155@pec.windtre.it o recandosi in uno dei negozi Wind.

28 agosto 2018 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore - telefonia internet e pay tv

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Eurotariffa non applicata correttamente » Agcom sanziona Wind e Tre con multe salate
Wind e 3 multate dall'Agcom per non avera applicato le nuove direttive sul roaming correttamente: a parere del Garante per le Comunicazioni, infatti, l'eurotariffa è stata aggirata. Eurotariffa: il Garante per le Comunicazioni (l'AgCom) ha colpito Wind e a Tre Italia con pesanti sanzioni, a causa dei salassi inflitti ai ...
Pratiche scorrette telefonia » Aumentano le sanzioni agli operatori ma il numero dei contenziosi cresce ancora: il punto sulla situazione
Pratiche scorrette da parte degli operatori di telefonia: 15.000 procedure di conciliazione paritetica per problemi di telefonia nel solo 2016, per tutto il 2017 se ne prevedono 18000, si tratta dei contenziosi tra utenti e società operatrici, in crescita costante dal 2010 ad oggi. Pratiche scorrette da parte degli operatori ...
Tariffe professionali - le liberalizzazioni a tutela della concorrenza e del consumatore
La sentenza numero 9358 della seconda sezione Civile della Cassazione, depositata il 17 aprile 2013, segna un altro importante punto a favore delle liberalizzazione delle tariffe professionali. L'occasione per sancire fondamentali principi in tema di liberalizzazione delle tariffe professionali è stata offerta alla Corte Suprema dall'esame di legittimità di un ...
Il phishing
Il phishing è una truffa on-line nata per sottrarre con l'inganno numeri di carte di credito, password, informazioni personali o di carattere finanziario. Attuata quasi sempre tramite posta elettronica si basa sull'invio da parte del truffatore (phisher) di e-mail che sembrano provenire da siti web autentici i quali richiedono all'ingenuo ...
Tassa di concessione governativa per il contratto di abbonamento fra utente di apparato terminale e fornitore di servizi di telefonia mobile
La tassa di concessione governativa non si applica alle apparecchiature terminali per il servizio radiomobile terrestre, bensì ai contratti di abbonamento sottoscritti per l'uso di tali apparecchiature: ne consegue che una siffatta imposizione non interferisce con la vendita di dette apparecchiature terminali, che possono essere vendute senza obbligo di sottoscrivere ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca