Telefonia mobile - Costo massimo di chiamate e sms imposto da UE?

Per quanto riguarda i costi della telefonia mobile, ho letto di sfuggita che è stato fissato un tetto per gli importi di chiamate ed sms.

Cosa sta cambiando, insomma?

L'UE (Unione Europea) ha stabilito un tetto massimo per quanto riguarda i costi di telefonate ed SMS all'interno dei paesi componenti.

Il provvedimento impone una progressiva riduzione delle tariffe.

Fino a qualche tempo fa infatti, una tale opportunità non era affatto così scontata.

Viaggiare in un altro Paese in Europa implicava una spesa maggiore anche per le comunicazioni mobili, che avevano una tariffa più elevata e spesso costringevano gli utenti ad attivare specifici pacchetti per l'estero.

Dall'anno scorso poi, sono stati aboliti i costi del cosiddetto roaming, e chi viaggia in un altro Paese dell'Unione può ora utilizzare la propria tariffa nazionale per chiamate, sms e traffico dati.

Ora, un ulteriore passo in avanti, a favore dei consumatori.

Dunque, si è raggiunto un accordo tra il Parlamento e il Consiglio Ue per approvare una serie di nuovi provvedimenti sulle telecomunicazioni che prevedono, tra le altre cose, misure per incentivare gli investimenti su fibra ottica e 5G.

Tra le tante cose, come detto, fissato un costo massimo al minuto per le chiamate verso un altro stato dell'Unione.

Si passa dall'attuale range che oscilla dai 5 agli 80 centesimi (escluso lo scatto alla risposta) a un massimo di 19 centesimi al minuto.

Le nuove misure prevedono poi un costo di non più di 6 centesimi di euro per ogni SMS.

L'accordo raggiunto stanotte dovrà ora essere approvato ora dagli stati membri e dal Parlamento prima di poter entrare in vigore, probabilmente nei prossimi mesi.

6 giugno 2018 · Marzia Ciunfrini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore - telefonia internet e pay tv

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Tassa di concessione governativa per il contratto di abbonamento fra utente di apparato terminale e fornitore di servizi di telefonia mobile
La tassa di concessione governativa non si applica alle apparecchiature terminali per il servizio radiomobile terrestre, bensì ai contratti di abbonamento sottoscritti per l'uso di tali apparecchiature: ne consegue che una siffatta imposizione non interferisce con la vendita di dette apparecchiature terminali, che possono essere vendute senza obbligo di sottoscrivere ...
Recupero crediti per canoni di servizi di telefonia cellulare in abbonamento e per la tassa di concessione governativa
Com'è noto la Corte di cassazione a sezioni unite (sentenza 9565/14) ha riconosciuto come legittima la tassa di concessione governativa che assoggetta a prelievo fiscale la semplice stipula del contratto di abbonamento tra gestore di telefonia mobile (cellulare) e utente finale. I giudici delle Corte di cassazione (sentenza 21777/14) hanno ...
Mutuo a tasso variabile con tetto massimo (CAP)
Il mutuo a tasso variabile con tetto massimo è un contratto di prestito. Il mutuo a tasso variabile con tetto massimo consiste nel trasferimento di una somma di denaro da un soggetto “mutuante” ad un soggetto “mutuatario” che si impegna a restituirlo secondo modalità concordate, dettagliatamente definite nel contratto sottoscritto ...
Tassa di concessione governativa sugli abbonamenti telefonici cellulari - Il punto
In base al quadro normativo delineato dal Codice delle comunicazioni elettroniche ed in tema di tassa di concessione governativa sugli abbonamenti telefonici cellulari, emerge che l'attività di fornitura di servizi di comunicazione elettronica resta comunque assoggettata ad un regime di autorizzazione da parte della Pubblica Amministrazione, con la particolarità che ...
Accesso ad internet - da giugno 2017 il cliente avrà diritto al rimborso se la velocità effettiva di navigazione risulterà inferiore a quella pubblicizzata dal provider
A partire dal giugno 2017, saranno vietate le tariffe roaming nell'Unione Europea (e nei Paesi dello Spazio economico Europeo - SEE) per le chiamate, per l'invio di messaggi di testo e per l'utilizzo di internet tramite dispositivi mobili. Intanto, a partire dal 30 aprile 2016, le maggiorazioni del roaming per ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti